Maradona, a Miano un murale da record:
«È il più grande del mondo»

Venerdì 15 Ottobre 2021 di Giuliana Covella
Maradona, a Miano un murale da record: «È il più grande del mondo»

«Qui c’è anche il bello, Miano non è solo camorra. Basta con i soliti luoghi comuni sul quartiere e sulle periferie come la nostra». Hanno sfidato il freddo pur di vedere “sorridere” gli occhi di Diego Armando Maradona sul murale realizzato sulla parete di una palazzina popolare al Rione San Tommaso. Sono i residenti di Miano, che ieri sera poco prima delle 21 hanno assistito al taglio del nastro dell’opera che porta la firma dell’artista Mario Casti. Un evento organizzato e fortemente voluto da Salvatore Aldino, uno degli abitanti e tifosi del rione. Un’immagine gigantesca del Pibe de oro che per i giovani, le mamme, le associazioni e il parroco è il simbolo di riscatto per l’intero quartiere: «Ci auguriamo che questo sia solo l’inizio di una rinascita per Miano», è stato il coro unanime. Mentre a rendere omaggio alla “mano de Dios” sono stati cori e fumogeni proprio come una curva del neonato stadio Maradona, accompagnati nel finale da una torta dedicata al calciatore. 

 

Il suo inconfondibile sorriso, la capigliatura riccioluta, l’orecchino al lobo sinistro e il tricolore stampato sulla maglia di capitano azzurro. Così il viso di Diego Armando Maradona, in una delle sue immagini più famose, è ufficialmente da ieri “stampato” sul muro di una palazzina degli alloggi popolari di via Valente a Miano. Un’opera di street art che aveva già fatto il suo ingresso nel quartiere la scorsa estate, ma che ha dovuto attendere i riempio della burocrazia per i vari permessi. Un murale che ha il sapore della voglia di riscatto di un territorio troppo spesso finito sotto i riflettori solo per fatti di cronaca. «Ma Miano non è solo questo. I progetti che facciamo sono tanti - spiega Salvatore Riccio, uno degli organizzatori - questo murale ha diversi obiettivi. Anzitutto ricordare Diego, che è stato e resta il “Dio del calcio”, è la storia, colui che ci ha rappresentato come città. Grazie a lui abbiamo avuto un riscatto sociale e sportivo. Poi farlo qui a Miano è anche per ridare colore al quartiere. Il messaggio che vorremmo dare soprattutto ai ragazzi è che speriamo sia veicolo di recupero sociale, per coinvolgerli di più nelle attività sportive anziché stare per strada. Diego è l’idolo di tutti - ha aggiunto - anche dei più piccoli che non lo conoscono, per i quali è la storia che viene tramandata». 

Video

Tanti i bambini e i ragazzi che hanno partecipato all’evento, minori per i quali a Miano non ci sono spazi pubblici dove giocare: tranne un campetto a ridosso del murale. «Il significato di quest’iniziativa è simbolico - dice Raffaela Apredda, dell’associazione Miano protagonista - non solo per far capire che anche Miano ha voluto rendere onore a un grande calciatore, coinvolgendo tutto il territorio. Ma è anche un modo per parlare in maniera positiva del quartiere. Il bello è stato che tutti hanno partecipato: dal bambino che è venuto dicendo “io ho un euro e voglio donarlo per il murale” alla casalinga, al pensionato. Simbolo dunque di unione e solidarietà. La chiamerei anzi una “spallata” per riqualificare questi spazi». Marica Bocchetti, 22 anni, è stata una delle giovanissime che hanno partecipato all’inaugurazione: «Vorrei che si abbattessero i pregiudizi sul mio quartiere. Già con la Birreria e ora con quest’opera di street art si potrebbe riportare Miano al suo florido passato. Purtroppo a causa di fenomeni criminali siamo emarginati». Sul posto anche Fortuna Musella, neo eletta consigliera alla VII Municipalità: «Bello vedere tanti giovani coinvolti in queste iniziative. Ce ne vorrebbero di più. Perché i nostri ragazzi non hanno spazi dove riunirsi, a Miano purtroppo non c’è nulla. Quindi ci auguriamo sia l’inizio di un futuro migliore per le nuove generazioni». A portare la sua benedizione il parroco della Madonna dell’Assunta don Giuseppe Nurcato: «Iniziative come questa, che partono dal basso, ci dicono della voglia di riscatto di un territorio che, se ci si limita a guardare solo dal di fuori, sembra non poter offrire possibilità. Invece è fatto da tante persone che credono profondamente in un riscatto sociale», ha concluso a margine dell’inaugurazione.

Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA