Napoli, il boom di Spalletti
spiegato in dieci mosse

Mercoledì 22 Settembre 2021 di Bruno Majorano
Napoli, il boom di Spalletti spiegato in dieci mosse

1. LA CONDIZIONE ATLETICA
Pochi dubbi: il Napoli corre e corre anche bene. Nelle prime 5 partite tra campionato e coppa si è visto che la condizione degli azzurri è perfetta. Non può essere certo un caso il ritorno a Napoli di Sinatti, storico preparatore degli azzurri nell'era Sarri. 

2. L'EFFETTO SPALLETTI
Rialzarsi dalla batosta di Napoli-Verona non era facile. Lo sapeva per primo Spalletti che ha portato una mentalità vincente. Così gli azzurri hanno ritrovato fiducia nei propri mezzi riuscendo a rimettere in piedi partite che sembravano perse.

3. I GOL DI OSIMHEN
Era l'attaccante che lo scorso anno mancava. Tra Covid, infortuni e problemi di adattamento Osimhen si era visto troppo poco. Anche quest'anno sembrava che le cose potessero prendere una piega sbagliata (vedi l'espulsione contro il Venezia), ma Victor ha risposto alla grande con la doppietta di Leicester e il gol di Udine.
 

4. IL CARISMA DI INSIGNE
Chi l'ha detto che il contratto in scadenza può essere un problema? Insigne si è caricato la squadra sulle spalle e da vero leader sta aiutando tutti a rendere al meglio. Capitano dentro e fuori dal campo, proprio come gli ha chiesto Spalletti.
 

5. LA ROSA LUNGA
Spalletti ha a disposizione un organico ampio per effettuare rotazioni e applicare un turnover ragionato. Tra Europa League e campionato ha utilizzato tutti gli uomini disponibili facendo sentire importanti anche quelli che erano ai margini dei progetti passati.

6. LA FIDUCIA DEL PRESIDENTE
Tra De Laurentiis e Spalletti sembra sia stato amore a prima vista. Al momento nessuna frizione tra presidente e allenatore. E fino a quando la luna di miele regge, è un bene per tutti.

7. ANGUISSA A SORPRESA
Arrivato all'ultimo squillo del calciomercato, Anguissa ha già preso per mano il Napoli. Il centrocampo con lui ha conquistato centimetri e muscoli: tutto quello di cui aveva bisogno Spalletti per ridisegnare la sua squadra.
 

8. I GOL DEI DIFENSORI
Koulibaly ci ha preso gusto in due giornate, poi ci si è messo anche Rrahmani: i gol del Napoli non arrivano solo dagli uomini d'attacco, ma anche dai difensori che si buttano in avanti senza paura.

9. LA FIDUCIA DELL'AMBIENTE
È tornato il dodicesimo uomo: lo stadio Maradona, riaperto dopo il lungo stop forzato per il Covid. E ora i tifosi potranno riprendere a spingere.

10. LE PALLE INATTIVE
Contro l'Udinese il capolavoro: due gol su due schemi a palla ferma studiati alla perfezione. Angoli e punizioni a favore erano un incubo, ma grazie allo studio da parte dello staff di Spalletti, sono una preziosa risorsa.

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 07:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA