Whatsapp, diffonde conversazioni di un gruppo: condannato

Whatsapp, diffonde conversazioni di un gruppo: condannato
ROMA  - Se una conversazione si svolge in un gruppo privato di un'applicazione di chat, è «ovvio e chiaro» che i suoi partecipanti si aspettano che i contenuti non vengano divulgati. In base a questo principio, un giudice brasiliano di un tribunale civile di Curitiba ha condannato un ex direttore del Coritiba Football Club al risarcimento dei danni morali agli ex colleghi per avere rivelato conversazioni tenute in un gruppo WhatsApp. Come spiegato sul portale brasiliano Consultor Juridico, il giudice James Hamilton de Oliveira Macedo ha deciso che il condannato dovrà pagare agli otto membri del gruppo chat 5 mila real ciascuno (circa 1.131 euro).

WhatsApp, via ai servizi a pagamento: ecco per chi

La causa è stata presentata da uno dei direttori del Coritiba. L'ex direttore era stato aggiunto al gruppo Whatsapp, composto da altri direttori e dirigenti del club, dopo essere entrato in carica. Nel gruppo, hanno fatto battute e hanno commentato la politica interna del Coritiba - e hanno parlato male degli altri membri del club. Quando ha lasciato il suo posto, l'ex direttore della squadra ha lasciato il gruppo e reso pubbliche le conversazioni, anche ai media. Il caso ha avuto grandi ripercussioni nella comunità sportiva, specialmente a Paraná. «L'abuso del diritto di informare è dovuto al modo in cui le informazioni sono state diffuse, influenzando l'immagine personale e professionale degli autori. Considerando che i messaggi erano stati scambiati in un'applicazione mobile di un gruppo privato, è chiaro che non potevano essere divulgati», ha spiegato il giudice.
Giovedì 16 Agosto 2018, 17:46 - Ultimo aggiornamento: 16-08-2018 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP