Napoli, c'è il presepe vivente con testimonial del mondo gay

Ci saranno anche i testimonial del mondo lgbt nel presepe vivente organizzato dalla Chiesa S.S. Trinità al Corso Malta a Napoli. L'iniziativa è proposta dall'Associazione onlus San Giovanni De Matha che, assieme alla comunità parrocchiale, ha promosso per il quarto anno nella chiesa di Corso Malta la rappresentazione storica della Natività di Gesù.



Ad accompagnare il presepe vivente, una degustazione di piatti tipici e delle mansioni artigianali storiche. Il primo appuntamento è per venerdì 26 e sabato 27 dicembre dalle 15 alle 20, il 28 ed il 4 gennaio 2015 dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 22.



«La presenza di miss trans Italia Over Mery Sommella nel presepe rappresenta un nuovo passo in avanti del nostro mondo, che troppo spesso subisce esclusioni e intolleranze, ed è importante che un segnale così forte di integrazione arrivi dal mondo della Chiesa in occasione del Natale», dichiara Stefania Zambrano, organizzatrice del concorso, trans cattolica che ha accettato, a nome del mondo lgbt, la proposta di partecipare all'iniziativa. Stefania Zambrano debutterà il 18 gennaio al teatro Cilea con la commedia «Anime fragili», proprio sui problemi delle discrimanazioni ai danni degli lgbt e dei tossicodipendenti.
Martedì 23 Dicembre 2014, 13:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2014-12-23 19:17:00
Passo in avanti? Per me è un bel passo, se non centinaia di passi, indietro. Qui stiamo arrivando a ridicolizzare le istituzione civili, religiose e morali per "rispetto" di chi si sente ghettizzato a priori in ogni cosa. Allora sapete cosa vi dico? Io sono eterosessuale e voglio, anzi pretendo, rispetto per il mio credo civile, religioso e morale e la tutela e la libertà del mio modo di fare e pensare. Qua siamo tutti uguali senza bisogno di urlarlo ogni volta.
2014-12-23 16:05:00
Perchè indebolire la famiglia creando nuove strampalate figure? L'amore oltre al sentimento, è anche decisione e soprattutto responsabilità è l'opposto dell'egoismo, I figli non sono oggetti né da produrre né da pretendere o contendere, non sono a servizio dei desideri degli adulti: sono i soggetti più deboli e delicati, hanno diritto a un papà e a una mamma ai Bambini non bisogna negargli un Padre ed una Madre!
2014-12-23 14:15:00
vabbè vabbè, ormai è una moda pur se fa tanto cafonal

QUICKMAP