Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Calci e lanci di bottiglie contro i carabinieri: fidanzati ubriachi arrestati dopo una lite

Mercoledì 24 Novembre 2021 di Francesco Colagreco
Calci e lanci di bottiglie contro i carabinieri: fidanzati ubriachi arrestati dopo una lite

Una serata a dir poco movimentata lunedì scorso a Chieti Scalo. Tutto è iniziato quando ai carabinieri è arrivata la segnalazione di una lite animata tra una coppia di fidanzati in corso nei pressi di uno dei pub della zona. Sul posto si sono diretti i militari del nucleo radiomobile. Al loro arrivo hanno incontrato i due, entrambi teatini di 30 e 23 anni «che - fanno sapere i carabinieri - erano in evidente stato di alterazione alcolica» e hanno pensato bene di aggredire anche i militari. Di conseguenza sono stati arrestati entrambi per resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale. I militari del nucleo radiomobile si sono trovati in mezzo a una vera e propria  discussione: la coppia di giovani, in evidente stato di alterazione, stava litigando in modo animoso con una donna di Vasto per futili motivi e probabilmente dovuti a precedenti controversie, provocandole delle lesioni personali. La coppia ha quindi aggredito i militari con calci, sputi fino a arrivare al lancio di bottiglie in plastica e in vetro. I carabinieri hanno contenuto l’azione violenta. Grazie anche all’ausilio di personale della questura di Chieti, intervenuto per dare manforte, sono stati quindi ammanettati e accompagnati nella caserma di via Riccia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA