Giulianova, «Ha soltanto un raffreddore»: ma il piccolo Liam muore a soli 16 mesi

Lunedì 3 Agosto 2020 di Francesco Marcozzi
«Ha soltanto un raffreddore», ma il piccolo Liam muore a soli 16 mesi

Sembra che abbia soltanto un raffreddore, invece il piccolo Liam muore a soli 16 mesi. La tragedia in Abruzzo, a Giulianova. Liam Lamolinara era un bel bambino nato con qualche problema ma nulla lasciava prevedere la tragedia che è avvenuta nella notte tra sabato e domenica. Il bambino si è sentito male, aveva difficoltà a respirare . Sembrava che nei giorni scorsi avesse avuto un raffreddore e non sembrava una cosa così grave. Invece ha cominciato a fare fatica a respirare ed allora è stato accompagnato al Pronto soccorso dell’ospedale di Giulianova dove i medici di turno gli hanno subito riscontrato una grave forma di dispnea ed allora hanno messo in atto tutto il protocollo d’urgenza che si applica in questi casi.

Bambino muore nella piscina comunale a Brescia, malore dopo un tuffo: procura apre un'inchiesta

Si stava valutando che, superata la crisi, lo si sarebbe potuto trasferire all’ospedale di Ancona. Purtroppo Liam non ce l’ha fatta ed è morto tra lo strazio dei genitori Stefano e Luigia che speravano in una soluzione diversa. Era il loro unico figlio. Loro erano tornati soltanto da tre settimane dalla Germania dove Stefano lavorava ma entrambi avevano desiderio di tornare a Giulianova ed alla fine si erano decisi a compiere il grande passo. Coì avevano coronato un sogno fatto di sacrifici scanditi dal lavoro e dalla voglia di tornare ed erano arrivati da appena tre settimane ed abitavano in una casa di Villa Pozzoni.

Catanzaro, bimbo di 9 anni si accascia mentre gioca in strada e muore: arresto cardiaco

La notizia si è sparsa in un baleno nel popoloso quartiere di Giulianova ed ha creato dapprima incredulità e poi dolore ed infine tanta solidarietà ad una famiglia così stimata e sfortunata. La salma del piccolo Liam dall’ospedale è stata trasferita nella casa funeraria Gerardini in via Prato dove resterà fino alle 16 di oggi quando saranno celebrati i funerali nella chiesa dei Benedettini. I sanitari del Pronto soccorso hanno anche accertato che non si trattasse di nessuna infezione che avesse a che fare con il coronavirus come è possibile accertare velocemente in questi tempi ma non c’era nessun segno e nemmeno a livello polmonare. Era chiaramente una mancanza di ossigeno ma non c’era una polmonite. 

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA