Ciampi, dietrofront a sorpresa:
il sindaco evita la conta in Consiglio

di Flavio Coppola

Colpo a sorpresa di Vincenzo Ciampi. Il sindaco ritira le sue linee programmatiche e le offre all'aula. È la mossa con cui tenterà di recuperare in extremis un dialogo compromesso dallo scontro senza esclusione di colpi delle ultime settimane. Messo all'angolo da tutti i gruppi consiliari per il ricorso al Tar sul riconteggio delle schede che avevano consegnato il premio di maggioranza al centrosinistra, il sindaco respinge l'accusa di aver mentito e, al momento della presentazione del suo programma, «spiazza» il Consiglio: «Ritengo che dovremmo realizzare indirizzi quanto più condivisi possibile. Vorrei che ognuno desse un contributo di idee e metodo, indicando le sue priorità. Giochiamo a carte scoperte, vediamo chi c'è e chi non c'è». In precedenza aveva sfidato le opposizioni a sfiduciarlo, scatenando durissime reazioni: «Nessuna minaccia, ma una possibilità concreta che mi auguro non si realizzi. Siamo disponibili a discutere con tutti». Così viene rinviata la discussione cruciale che, se messa ai voti, avrebbe determinato ufficialmente il perimetro della maggioranza e quello dell'opposizione ma avrebbe anche rischiato seriamente di mettere ko l'amministrazione cinquestelle.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 7 Settembre 2018, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP