De Mita con i centristi in appoggio al Pd

Obiettivo 3 per cento. Nasce ufficialmente la gamba centrista in sostegno al Pd e sarà guidata da Beatrice Lorenzin sotto il nome di «Civica Popolare». Della lista, annunciata ieri, ne faranno parte Alternativa Popolare (senza Angelino Alfano che ha manifestato la volontà di non ricandidarsi), i Centristi per l’Europa, Democrazia solidale e l’Italia dei Valori. Un accordo sottoscritto, oltre che dal ministro della Salute, da Casini, D’Alia, Olivero, Giuseppe De Mita, Dellai e Messina. Non si esclude che all’ultimo momento potrebbe aderire al progetto anche Bruno Tabacci. 
Ci sarà una margherita nel simbolo. Nelle prossime ore bisognerà però individuare, così come negli altri partiti, chi correrà nei listini bloccati e chi invece dovrà cercare l’accesso in Parlamento attraverso le preferenze. In Sicilia i «portavoti» saranno il sottosegretario all’Agricoltura Castiglione e Dore Misuraca, in Campania si punterà tutto sui consensi di Gioacchino Alfano e del nipote di Ciriaco De Mita, Giuseppe, che in Irpinia riscuote di un discreto seguito. Lorenzin dovrebbe correre nel Lazio, probabilmente insieme a Cicchitto. In Lombardia ci sarà Sergio Pizzolante mentre in Abruzzo correrà il sottosegretario alla Giustizia, Federica Chiavaroli. Tutto è invece in alto mare in Calabria, dove «Civica e Popolare», dopo l’uscita a sorpresa dal progetto di Tonino Gentile dovrà ora guardarsi intorno per trovare dei validi punti di riferimento per la campagna elettorale. A 64 giorni dal voto la sfida è appena iniziata. 
Sul Mattino in edicola
Sabato 30 Dicembre 2017, 12:50 - Ultimo aggiornamento: 30-12-2017 12:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP