Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chianche, missione sicurezza e turismo:
caccia ai fondi del Pnrr per il restyling

Giovedì 26 Maggio 2022 di Luigi Patierno
Chianche, missione sicurezza e turismo: caccia ai fondi del Pnrr per il restyling

Parte l'operazione recupero di un'importante infrastruttura di epoca romana, Il ponte delle Chianche, che potrebbe rappresentare un volano per lo sviluppo di Buonalbergo. L'opera, di origine romana, ha una importanza non solo turistica, ma anche storica e culturale, è il ponte romano situato lungo il percorso della via Traiana, nel tratto in cui risale la valle del Miscano. Diverse le problematiche sottese al sito, non ultime quelle relative ai danni subiti durante l'alluvione del 2015 o le difficoltà di accesso allo stesso che hanno reso necessaria una riflessione e un confronto con la Soprintendenza, al fine di delineare le modalità di intervento per restituire il bene alla collettività. Per il recupero del Ponte è stato sottoscritto un accordo di valorizzazione. Il progetto, prevede interventi preliminari di messa in sicurezza del sito, riguardanti l'alveo del Torrente Santo Spirito, mediante il ripristino della sezione idraulica e la realizzazione di opere di difesa delle sponde con massi ciclopici e opere di ingegneria naturalistica, in modo da assicurare il deflusso delle acque anche in occasione di eventi di piena, proteggendo le pile del Ponte.

Inoltre, il Comune, sfruttando i fondi del Pnrr, per un valore complessivo di circa 1,5 milioni, ha presentato anche un progetto di valorizzazione sia dell'opera romana, che della via Francigena. Il progetto, dal nome «un ponte tra passato e futuro», prevede anche l'allestimento di un museo presso Palazzo Angelini, dove poter rivivere e far rivivere la storia di Buonalbergo, grazie a contributi multimediali e attraverso i reperti di interesse storico e archeologico rinvenuti sul territorio. 

Video

«L'eventuale, auspicato, finanziamento - spiegano dall'ente- potrebbe garantire il recupero definitivo di un importante pezzo di storia, non solo buonalberghese, consentendone, altresì, la restituzione alla fruibilità collettiva». Proprio per questo sono stati stipulati accordi di collaborazione con l'Università del Salento, con la Pro Loco e sono state acquisite le adesioni della parrocchia San Nicola Bari, dell'associazione Sud Francigena, del gruppo teatrale di Buonalbergo e del Ccentro studi Carmen Castiello. 

Ultimo aggiornamento: 20:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA