Fede e turismo: treno storico
Pietrelcina-Assisi, è boom

di Annalisa Ucci

Partito dalla stazione centrale di Benevento il treno storico per il pellegrinaggio che collega Pietrelcina, città natale di San Pio, con Assisi, città di San Francesco. A bordo ben 460 partecipanti. «Il treno unisce due grandi figure che sono l'una nel solco dell'altra perché San Pio è discepolo di Francesco» ha dichiarato l'arcivescovo Felice Accrocca. «Al tempo stesso, però - ha aggiunto il presule -, unisce anche due città luoghi di pellegrinaggio attraverso la dorsale appenninica che è area interna e quindi presenta tutti problemi tipici di tali aree. Il treno quindi vuole portare l'attenzione anche su questa tematica che deve diventare oggetto di studio e di confronto non solo nelle aree interne, nel nostro Sannio e nella vicina Irpinia, in una dimensione parcellizzata, ma a livello nazionale». C'è un problema delle aree interne, ha fatto presente Accrocca, anche nell'estremo nord «dove forse il fenomeno della desertificazione ancora più drammatico che da noi. Se si assiste impotenti e inerti al progressivo inurbamento della popolazione, in aree cittadine o metropolitane, questo danneggerà - ha ammonito - l'Italia intera. Non c'è ancora una piena consapevolezza in merito, ma il problema è serio» ha concluso augurando poi buon viaggio a tutti i pellegrini saliti sul treno.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 8 Settembre 2019, 12:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP