Puglianello: madre e figlio aggrediti in casa dai ladri

PUGLIANELLO - Scene da arancia meccanica a Puglianello nelle ultime ore del 2016. Una rapina in un’abitazione, nella serata di venerdì 30 dicembre, alle porte del piccolo centro della valle telesina che ha visto protagonisti loro malgrado una donna di 90 anni ed il figlio 53enne, ostaggio di 4 malviventi. Minuti interminabili. Sono da poco passate le ore 19 quanto avviene l’irruzione all’interno della casa ubicata in via Cupa da una porta secondaria sul retro, una zona di campagna a poche centinaia di metri dallo svincolo dell’uscita Faicchio-Puglianello della statale 372 telesina. Sono in 4, hanno il volto coperto da un passamontagna, accento campano. 

Le intenzioni sono chiare sin dall’inizio: dove sono i soldi? La domanda ritornerà man mano con maggiore insistenza. Volano calci e pugni all’indirizzo dell’uomo che intanto è stato legato ad una sedia con una sciarpa. Sono attimi di terrore, paura e sgomento. Un incubo che non accenna a svanire. Dal piano superiore dell’abitazione le urla della donna 90enne che ha avvertito il pericolo e l’allarme lanciato dalle urla del figlio. Anche lei verrà strattonata riportando lievi contusioni. Non c’è il tempo di reagire, imprecazioni e violenza che aumentano alle ripetute sollecitazioni dell’uomo 53enne che afferma che all’interno dell’abitazione non ci sono oggetti di valore. I rapinatori alla fine scappano portando via solo un telefonino.
Lunedì 2 Gennaio 2017, 08:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP