Dopo 25 anni di isolamento idrico
via ai lavori per l'acqua al carcere

Martedì 6 Aprile 2021 di Milly Vigliano
Il momento dell'avvio dei lavori

Dopo oltre venticinque anni senza rete idrica, arriva l'acqua nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Questa mattina presso Palazzo San Carlo, ex Municipio storico ed oggi sede della Presidenza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, si è tenuta la cerimonia per dare il via libera ai lavori relativi all'acciamento della casa circondariale “F. Uccella” alla condotta idrica comunale e mettere fine ai gravi disagi che i detenuti erano costretti ad affrontare. 

L'evento si è concluso simbolicamente presso il luogo d'inizio dei lavori in via Napoli, all'incrocio con via Mastantuono.

Alla conferenza sono intervenuti il sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Antonio Mirra, l'avvocato penalista Petrillo, l'onorevole Sgambato, il procuratore capo di Santa Maria Capua Vetere Troncone, la direttrice del carcere Palmieri, la presidente di tribunale Casella, il prefetto di Caserta Ruberto e il vice presidente della Regione Campania Bonavitacola.

Ultimo aggiornamento: 19:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA