Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caserta solidale, alla Reggia mille centauri
per la mototerapia per i giovani autistici

Martedì 23 Agosto 2022
Caserta solidale, alla Reggia mille centauri per la mototerapia per i giovani autistici

Una sfilata di motociclisti in papillon per far conoscere un progetto di ricerca scientifica per bambini e ragazzi autistici della Campania. Torna a Caserta il «Lynphis Ride per la Mototerapia», manifestazione nazionale giunta alla sesta edizione e promossa da «La MotoTerapia» di Santa Maria a Vico, associazione no profit del settore sociosanitario presieduta da Luca Nuzzo, terapista della neuro e psicomotricista dell'età evolutiva, nonché grande appassionato delle due ruote, che ha saputo cogliere il grande potenziale della motocicletta come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, attentivo e cognitivo, capace di guidare il soggetto autistico o con disturbi del neurosviluppo in un percorso riabilitativo e di inclusione sociale alternativo.

Appuntamento per domenica 11 settembre ai giardini di Villa Maria Carolina davanti alla Reggia di Caserta, dove si raduneranno 1000 centauri da tutta Italia per un tour di 60 km che toccherà i siti e i comuni del Parco Borbonico. «L'idea di effettuare uno studio sulla mototerapia - spiega Nuzzo - risale al 2017, anno della prima edizione della manifestazione. A fine 2018 raccolgo tutto in un volume; nel 2019, grazie alla disponibilità di amici e appassionati delle due ruote, nasce l'associazione che da allora, ogni fine settimana, con l'assistenza di personale e motociclisti formati ad hoc, svolge la terapia che mira all'autonomia personale e all'integrazione sociale. In questi anni, i bambini e i ragazzi in trattamento sono migliorati tantissimo sotto l'aspetto della tolleranza ai rumori, la socializzazione, l'autonomia di scelta, l'aumento dei tempi di attenzione, l'equilibrio e la cognizione spazio-temporale» conclude.

Video

Ultimo aggiornamento: 18:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA