Caserta, la strage degli alberi:
​il Comune ne abbatterà 160

di Daniela Volpecina

A Caserta stanno per essere abbattuti 160 alberi. Distribuiti tra corso Trieste, via Roma, via Cesare Battisti, piazza Vanvitelli, parco Primavera a Tuoro, viale delle Querce e vicolo Nicola Abbagnano al parco degli Aranci nell'ex zona 167. Un intervento che costerà al Comune quasi 83mila euro di fondi di bilancio. Quasi il doppio di quanto sarebbe stato necessario per la manutenzione. Si tratta nel dettaglio di circa 120 grevillee robuste (di origine australiana), 35 pini e qualche palma.

Per l'amministrazione comunale l'abbattimento è inevitabile perché le piante, maltenute, rappresenterebbero un rischio per la pubblica incolumità e un ostacolo per la viabilità veicolare e pedonale anche alla luce dei sempre più frequenti temporali registrati in città. Per gli ambientalisti invece si tratta di alberi che potevano essere «salvati» attraverso un intervento di dendrochirurgia o al massimo una potatura delle radici, a seconda dei casi, spendendo tra l'altro la metà degli importi previsti per l'abbattimento. Gli affidamenti però sono già stati effettuati. La Urbania arredo srl di San Nicola la Strada si occuperà della rimozione di una sessantina di grevillee su corso Trieste (importo previsto 27.653,15 euro), la Verde Golfo sas di Melito interverrà in viale delle Querce e vicolo Nicola Abbagnano per abbattere una trentina di pini (al costo di 27.110,36 euro) mentre alla Eurogarden srl di Melito toccherà farsi carico della demolizione di una sessantina di grevillee in via Roma e via Cesare Battisti (per circa 27.653,15 euro). Altri interventi riguarderanno una palma in piazza Vanvitelli e alcuni alberi al parco Primavera di Tuoro.

Si parte tra una settimana. Massimo dieci giorni.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 4 Gennaio 2019, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP