Castelvolturno e il traffico di organi
«Reni venduti a cinquemila euro»

Sabato 5 Gennaio 2019 di Mary Liguori

Sulla costa casertana c’è una linea invisibile che separa strade, quartieri, campagne. Uno sbarramento istituzionale che isola in compartimenti stagni la comunità nera da quella italiana. A Castel Volturno la mafia nigeriana sguazza nel non-mondo dell’Africa trapiantata a forza, tollerata per forza e forzata dai pochi che hanno diritto di parola, azione e movimento. Per il resto, da Destra Volturno a Pescopagano, e lungo la Domitiana, l’esercito di immigrati che una stima approssimativa calcola in 15mila in base alla spazzatura che produce, è ostaggio dei boss neri. Minacce ai familiari rimasti in Africa, stupri, pestaggi. Chi comanda sul Litorale ed è collegato ai capi a Benin City e negli Usa è regolare sul territorio italiano e ha potere di vita e di morte sugli altri connazionali, sui ghanesi e sugli ivoriani. Così come sono regolari gli ovulatori che ingoiano anche un chilo di cocaina per volta per fare su e giù per l’Europa in cambio di 10mila euro a viaggio. È su un gruppo di immigrati con permesso di soggiorno che vive sul Litorale che si stanno concentrando le indagini dello Sco e dell’Fbi che hanno tracciato un costante passaggio di soldi da nigeriani che vivono ad Atlanta, New York e Chicago ad alcuni soggetti che abitano sul Litorale Domitio.  
La task force internazionale attiva da luglio e coordinata dalla Dda indaga su strani passaggi di soldi forse provento dell’enorme traffico di droga nelle mani della mafia nera. Soldi che, probabilmente, vengono reinvestiti nel business principe del crimine organizzato che nasce nelle confraternite universitarie della Nigeria. La tratta di esseri umani. Per schiavitù sessuale e traffico d’organi. Scenari inquietanti che i nigeriani che vivono a Castel Volturno da anni e che sono ormai slegati dalla loro comunità d’origine conoscono bene.

Patty è un’ex schiava del sesso. Sbarcò in Spagna nel 2002. Pagò il suo debito con la mafia prostituendosi, poi scappò in Italia. Fino a poco tempo fa, il marito l’ha costretta a vendersi sulla Domitiana. «Per gli uomini nigeriani la donna è una proprietà», racconta con rassegnazione, lei che però non si è rassegnata e quel marito violento, l’anno scorso, lo ha fatto arrestare. «Non ho più paura di niente, mi hanno tolto i miei figli e tutto quello che so sulla mia gente lo racconto a voi giornalisti e alla polizia». E ci accompagna nel viaggio nella Benin City della Campania. Strade polverose che si attorcigliano intorno ai villini diroccati a due piani. Cancelli sbarrati da pesanti catene e lucchetti penduli a difendere una proprietà privata abusiva dall’occupazione di altri abusivi. Al civico 7 di viale fiume Oglio, dove s’arriva oltrepassando un ponte che scavalca la superficie luccicante del Volturno, c’è una casa che sembra uguale alle altre, ma non lo è. «Qui c’è uno dei medici al servizio della mafia nigeriana», racconta Patty. «È una donna e si servono di lei anche per l’espianto di organi». Il racconto di Patty ha dell’incredibile. Sostiene che i nigeriani sono in grado, anche a Castel Volturno, di procedere a un’operazione delicata come l’espianto di un organo da rivendere al mercato nero. «C’è chi viene rapito e ucciso per gli organi, ma c’è anche chi si presta volontariamente». 

Secondo quanto emerso nel tempo dalle indagini, le vittime della tratta ai fini del traffico d’organi finiscono in cliniche estere, anche in Turchia e nord Africa. Ma Patty sostiene che ci sono «cliniche degli orrori anche a Grazzanise, Villa Literno, a Sant’Antimo e sul Litorale». E che a Castel Volturno ci sono le prove viventi del mercato nero di organi umani. «Conosco tre ragazzi che in cambio di 5mila euro si sono fatti espiantare un rene, ora vivono da queste parti», afferma la donna. Ma al cancello della presunta clinica degli orrori non risponde nessuno. La finestra è aperta, l’inferriata chiusa. D’altronde chi sta nel «network» ha paura e a parlare con gli estranei non ci pensa proprio. «Questi medici si occupano anche di recuperare la droga da persone che ingeriscono ovuli e poi stanno male», afferma Patty. «Chi non ce la fa, viene ucciso e fatto a pezzi per recuperare la droga. Contano solo i soldi. I nigeriani sono businessman senza spietati». 

Chi resta incinta e vuol salvarsi spesso va al centro Fernandez che, a spese della Caritas, offre rifugio ai disperati e serve 200 pasti al giorno ai migranti. «Scappano per proteggere la gravidanza, perché le costringono ad abortire», spiega il direttore, Antonio Casale. «Ma c’è anche chi fugge perché sa che la mafia può prendergli i figli. Esiste un traffico di bambini destinato a coppie ricche sterili che non si fanno scrupolo a pagare. I piccoli spesso vengono immediatamente spediti all’estero», dice Patty.

La tratta in mano ai nigeriani segue rotte sovrapponibili a quelle che la ‘ndrangheta usa per i viaggi di droga. Dall’inchiesta che, lo scorso 5 dicembre, ha portato a 90 arresti in tre continenti sono stati ricostruiti i canali dei potenti clan della Locride che trattano direttamente con i colombiani e spediscono la droga in Germania, Olanda e Belgio. E, i Paesi Bassi, insieme a quelli scandinavi, sono anche la meta finale della tratta di ragazze destinate alla schiavitù sessuale. 

Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio, 18:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA