Travolto e ucciso davanti al figlio:
«Ero ubriaco, non ricordo niente»

di Vincenzo Ammaliato

  • 179
Era ubriaco il pirata della strada che ha ucciso l'incolpevole trentaquattrenne Giorgio Galiero sabato sera e che stava per investire anche il figlio di sei anni. Lo ha ammesso lui stesso quando i carabinieri lo hanno trovato ancora tra i fumi dell'alcol a casa della fidanzata.

La caccia all'uomo messa dura poche ore. Giunti immediatamente sul posto i militari dell'arma diretti dal comandante di stazione Salvatore Nardella ascoltano prima i testimoni dell'impatto con cui la Bmw X6 impazzita ha ucciso la vittima. Poi si fanno consegnare dai gestori dellle attività commericali del posto le immagini di videosorveglianza interna, e grazie ai fotogrammi riescono a risalire alla targa.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 19 Agosto 2019, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 19-08-2019 18:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP