La gang dell'Audi grigia, catturato
l'ultimo bandito dopo due anni di latitanza

Mercoledì 19 Febbraio 2020
È stato catturato dopo quasi due anni di latitanza il quarto componente della banda dell'Audi grigia, un gruppo di albanesi che ha terrorizzato per mesi, tra il 2017 e l'inizio del 2018, con furti in esercizi commerciali e abitazioni, città e piccoli centri in mezz'Italia, e che riusciva sempre a farla franca grazie proprio alla vettura modificata e velocissima. In tre furono però catturati a marzo 2018 a Villa Literno, mentre l'ultimo componente, Jetmir Vezi, era riuscito a fuggire e a darsi alla latitanza all'estero, sfruttando false identità. Vezi è stato arrestato qualche giorno fa, dopo essere riapparso presso il posto di frontiera «Blato», nella Macedonia del Nord. Ai doganieri aveva esibito documenti con l'alias di Jetmir Korra, ma è stato comunque riconosciuto e fermato, anche perché inseguito da un mandato di arresto europeo e da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli Nord; ora è in carcere in Macedonia, ma presto dovrebbe essere estradato in Italia. I tre suoi complici, ovvero il fratello 41enne Eduard Vezi, Roland Cami di 28 anni e Qerim Cami di 37, anche quest'ultimi fratelli, furono arrestati il 21 marzo 2018 a Villa Literno al termine di una rocambolesca operazione effettuata dai poliziotti della Squadra Mobile di Caserta.

Gli investigatori della Polizia di Stato avevano infatti raccolto elementi che portavano alla provincia di Caserta, in particolare a Villa Literno, dove la banda aveva la sua base logistica. Dopo giorni di osservazioni, l'Audi grigia fu finalmente vista mentre entrava nel cortile dell'abitazione di Villa Literno, e scattò così il blitz. I malviventi però non volevano in alcun modo essere presi, così il conducente dell'Audi ingranò la marcia indietro per sfondare il cancello dell'abitazione e fuggire; i poliziotti riuscirono ad evitare l'investimento, e spararono dei colpi di pistola all'indirizzo dell'Audi, con l'obiettivo di fermarla; in effetti la vettura si fermo e tre dei banditi furono fermati e ammanettati, mentre un quarto, appunto Vezi, riuscì a fuggire. Uno dei malviventi rimase anche ferito a un polpaccio da un colpo di pistola. © RIPRODUZIONE RISERVATA