Migranti, Fico a Castel Volturno:
«No ai muri, l'Europa si gioca il futuro»

Sabato 23 Ottobre 2021
Migranti, Fico a Castel Volturno: «No ai muri, l'Europa si gioca il futuro»

«Mi sembra assolutamente scontato il no ai muri. L'Europa da questo punto di vista si gioca il proprio futuro sull'immigrazione e quindi è molto importante che faccia bene tutta l'Europa la propria parte» lo dice il presidente della Camera, Roberto Fico, a Castel Volturno, dove partecipa al «Premio d'eccellenza Città di Castel Volturno» dedicato a Gino Strada.

Rispondendo ai cronisti sulle parole pronunciate al Consiglio europeo da Draghi, Fico afferma: «Non si può pensare di costruire i muri, i muri si superano sempre; quindi dobbiamo riuscire ad accogliere i migranti per far si che ci sia una vera integrazione».

«Spero che le forze politiche in Parlamento possono mettere il tema dello Ius soli o dello ius cultarae nella loro agenda».

Video

A Castel Volturno si contano, da dati del Ministero dell'Interno, quasi 35mila stranieri non regolari, tra cui migliaia di ragazzi nati a Castel Volturno ma senza cittadinanza italiana. Tra questi anche i ragazzi del Tam Tam Basket, squadra giovanile formata da ragazzi figli di immigrati africani divenuta nota perché qualche anno fa costrinse la Federazione pallacanestro a cambiare la norma sulla possibilità di partecipare a campionati federali a squadre con atleti non in regola con le leggi sull'immigrazione. «La squadra Tam Tam di Basket - ha detto Fico - è esempio di integrazione e sta diventando un progetto riconosciuto non solo in questo territorio».

«Il litorale domizio, che conosco bene essendo napoletano, rappresenta uno dei casi più lampanti di contrasto tra le notevoli bellezze naturalistiche e storiche e le grandi potenzialità turistiche, da un lato, ed una condizione di forte degrado sociale e ambientale, dall'altro».

«Questo - ha poi aggiunto - è territorio ricco di problemi, dalla presenza pervasiva della criminalità organizzata ai flussi migratori non gestiti secondo i canali legali e da politiche di integrazione adeguata; dal traffico di stupefacenti allo sfruttamento della prostituzione, passando per la tratta di esseri umani, per il capolarato, l'abusivismo edilizio, la presenza di molte persone in condizione di fragilità e povertà economica ed educativa. La soluzione di questi problemi richiede una combinazione di politiche pubbliche, una collaborazione costante tra istituzioni locali e nazionali e il confronto e la cooperazione con attività associative».

«A questo scopo - ha proseguito il presidente della Camera - sono fermamente convinto che occorra agire in tre direzioni. La prima consiste naturalmente nella prosecuzione dell'azione di prevenzione e contrasto dell'illegalità da parte delle forze dell'ordine e della magistratura. Devono essere ristabilite pienamente in questa aree condizioni di legalità e sicurezza senza le quali non sono possibili la convivenza pacifica tra le comunità, lo sviluppo economico ed il rispetto dell'ambiente».

«La seconda consiste nella promozione dello sviluppo economico e sociale del territorio in senso sostenibile, esaltandone le potenzialità. Credo che il litorale domizio sia una delle zone che potrà trarre maggior beneficio da una transizione ecologica equilibrata. Che passa anzitutto per la bonifica e il risanamento dell'ambiente, a cominciare dal mare, dalle spiagge, dalle pinete, dalle discariche abusive. E poi per la promozione di attività sostenibili di carattere turistico, culturale e produttivo. Le risorse del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza, opportunamente utilizzate, potranno certamente concorrere a questi obiettivi».

LEGGI ANCHE Rifiuti in Campania, Legambiente indica le criticità nella raccolta differenziata

«La terza linea di intervento - ha concluso Fico - deve avere come obiettivo l'inclusione sociale e l'integrazione delle categorie più fragili della popolazione, italiane e straniere. Occorre che nessun sia lasciato indietro ed abbia risorse sufficienti per una esistenza dignitosa. È necessario il miglioramento sul vostro territorio dei servizi sociali e sanitari».

© RIPRODUZIONE RISERVATA