Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caserta, al via il progetto per i migranti
sull'emersione dal lavoro nero

Giovedì 26 Maggio 2022
Caserta, al via il progetto per i migranti sull'emersione dal lavoro nero

“Social network” è il progetto che andrà ad animare i territori di otto comuni del Casertano (Aversa, Santa Maria Capua Vetere, San Nicola la Strada, Marcianise, San Marcellino, Maddaloni, San Felice a Cancello e Succivo) e che prevede un percorso di medio periodo di circa sei mesi dedicato all'emersione dal lavoro nero dei cittadini di paesi terzi, vittime o potenziali vittime di sfruttamento lavorativo e al loro inserimento in percorsi di formazione e di conseguente collocazione lavorativa.

La rete associativa che ha presentato il progetto è composta da diverse realtà sociali radicate da oltre 20 anni nel territorio campano, in prima linea per la gestione di interventi per l'inclusione di migranti vittime di sfruttamento lavorativo: ci sono il Centro sociale ex canapificio (ente capofila), la Città Irene onlus, l'Apeiron coop sociale, l'associazione Melagrana, Laudato Si coop sociale, Frontiera Sud aps.

Video

Le attività del progetto, tutte interamente gratuite, saranno numerose e trasversali: dall'accompagnamento all'inserimento socio-lavorativo e all'autonomia delle persone migranti, dai corsi di formazione professionale ai servizi di segretariato sociale, dagli sportelli a bassa soglia di informazione all'orientamento e alla consulenza socio-legale, dal rafforzamento del sistema dei servizi territoriali alla mediazione linguistica e interculturale e alle attività di sensibilizzazione e di mediazione sociale.

La rete associativa, che sta già erogando alcuni dei servizi previsti dal progetto, va ad arricchirsi grazie al sostegno di numerosi enti che hanno aderito in qualità di «sostenitori», come l'Associazione Abc, la fondazione Real Sito di Carditello, Logos Odv, l'Associazione dei senegalesi di Caserta, le Caritas di Caserta e di Capua, Laboratorio musicale kalifoo ground, fondazione Migrantes, centro Fernandes, dipartemento studi politici e sociali dell'Università di Salerno

© RIPRODUZIONE RISERVATA