Msc Crociere torna a Napoli: «Nello stabilimento Fincantieri di Castellammare ci sentiamo a casa»

Giovedì 7 Ottobre 2021 di Antonino Pane
Msc Crociere torna a Napoli: «Nello stabilimento Fincantieri di Castellammare ci sentiamo a casa»

Da ieri anche Castellammare di Stabia partecipa al grande progetto Explora Journeys di Msc Crociere. Nello stabilimento di Fincantieri è iniziata la costruzione della seconda di quattro navi con cui la compagnia dell'armatore Gianluigi Aponte irromperà nel segmento di mercato del super lusso. L'ingresso del Gruppo Msc nello stabilimento di Castellammare è stato salutato con molta soddisfazione. «Ci sentiamo a casa» ha detto il presidente esecutivo di Msc Crociere, Pierfrancesco Vago, ricollegando il cantiere stabiese con le origini sorrentine dell'armatore che in costiera ha conservato alcuni team nevralgici del suo impero navale. Proprio dal Golfo di Napoli è partita la grande scalata di Aponte, uno tra i più grandi armatori al mondo. 

La Explora II sarà costruita negli stabilimenti Fincantieri di Castellammare e Sestri Levante. La Explora I è già in costruzione a Monfalcone e sarà la prima ad essere consegnata nel 2023. La seconda nel 2024 e poi le altre due, una nel 2025 e una nel 2026. Insomma Msc Crociere conferma che nonostante il fermo della pandemia, gli investimenti vanno avanti. E si tratta di investimenti rilevanti: per le prime quattro navi Explorer saranno investiti solo nella costruzione 6 miliardi di euro. Una cifra che si somma a quella stanziata, circa un miliardo a nave, per le grandi ammiraglie costruite da Fincantieri: la Msc Seaside, la Msc Seaview e la Msc Seashore, tutte già consegnate, mentre già si aspetta la nuova super ammiraglia, la Msc Seascape attualmente in costruzione. Poi c'è tutto il versante francese da dove, entro il prossimo anno, cominceranno ad arrivare da Saint Nazaire le nuove ammiraglie alimentate a gas naturale liquefatto.

Ma veniamo al nuovo marchio Explora Journeys. Queste insegne navigheranno su navi lunghe curva 200 metri con pescaggi ridotti. Navi su cui gli spazi saranno ampi e confortevoli: solo 400 suite, per coccolare in maniera totale gli ospiti.Il rapporto personale-viaggiatori sarà superiore a uno. Grazie alle dimensioni ridotte e ai contenuti pescaggi, le nuove navi potranno toccare porti dove non possono attraccare le grandi navi. «Si andrà oltre - ha detto Vago - lo stesso sofisticato ed accogliente mondo dello Yacht Club su cui delle navi di Msc Crociere». 

Video

Su questo nuovo filo conduttore ora entra Castellammare di Stabia e la sua antica tradizione marinara. «L'avvio dei lavori della seconda nave di Explora Journeys - ha sottolineato Piefrancesco Vago - rafforza il nostro impegno nei confronti dei nostri partner turistici, in previsione dell'arrivo sul mercato del nostro nuovo brand di lusso con un significativo investimento finanziario in una flotta di navi innovative ed eleganti, che unirà la nostra visione all'obiettivo di creare un'esperienza unica che può tradursi in Ocean state of mind. Riponiamo grande fiducia in questo marchio allo scopo di creare una nuova categoria nei viaggi all'insegna del lusso e continueremo a investire nella sua espansione per attirare un numero crescente di viaggiatori del lusso di nuova generazione». Al taglio della prima lamiera hanno partecipato, oltre a Vago, Michael Ungerer, Ceo Explora Journeys, e Luigi Matarazzo, general manager divisione navi mercantili di Fincantieri. Con loro il capo del team tecnico di Msc Crociere, Emilio La Scala; il direttore Italia di Msc Crociere, Leonardo Massa; il presidente di Marinvest, Franco Ronzi e tanti altri. «Siamo rimasti davvero impressionati - Michael Ungerer, ceo di Explora Journeys - dall'enorme entusiasmo e dal grande supporto da parte della comunità degli agenti di viaggio, che hanno riposto la loro fiducia in Explora Journeys sin dal giorno del lancio del brand a giugno e per il grande interesse che hanno dimostrato nei confronti del nostro esclusivo servizio su appuntamento e delle innovative condizioni commerciali. Explora Journeys ha anche ottenuto lo status di preferenziale presso una serie di importanti network di agenzie di viaggi, un onore che normalmente non viene conferito a un marchio prima della sua entrata in servizio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA