Napoli, arresti per vaccini finti: 150 euro in cambio di una dose dispersa in un batuffolo d'ovatta

In tutto 30 persone si sono prestate alla truffa rinunciando a immunizzarsi

Mercoledì 26 Gennaio 2022
Napoli, finti vaccini ai no-vax per 150 euro: due arresti alla Asl «disperdevano la dose in un batuffolo d'ovatta»

Pagavano 150 euro per farsi somministrare per finta il vaccino anti Covid e ottenere il Green Pass, e la dose veniva dispersa in un batuffolo di ovatta dal sanitario complice. É la truffa scoperta dai militari del Nas di Napoli che hanno arrestato questa mattina un infermiere e un operatore socio sanitario dipendenti della Asl Napoli 1 Centro, impegnati in un hub vaccinale di Napoli.

Video

L'OSS reclutava i pazienti, l'infermiere li vaccinava per finta 

Un sistema rodato, che aveva coinvolto oltre 30 persone reclutate dall'operatore socio sanitario e poi vaccinate "per finta" dall'infermiere complice. Ora i due sono accusati di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, peculato e falso in atto pubblico. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip di Napoli nell'ambito di indagini coordinate dalla Procura partenopea.

Dalle indagini è emerso che 14 soggetti ai quali è stata simulata l'inoculazione del vaccino sono appartenenti a categorie di lavoratori per le quali è previsto l'obbligo di vaccinazione. Queste persone si sarebbero dunque rivolti ai due arrestati al fine di ottenere il rilascio del green pass e proseguire nello svolgimento delle rispettive mansioni. 

 

Ultimo aggiornamento: 12:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA