Nicola Tanturli, non emergono responsabilità penali per i genitori. La Procura ascolta nuovi testimoni

Venerdì 25 Giugno 2021 di Michela Allegri
Nicola Tanturli, non emergono responsabilità penali per i genitori. La Procura ascolta nuovi testimoni

In Procura a Firenze si attende l’arrivo dell’informativa conclusiva dei carabinieri, ma per il momento, in base agli elementi raccolti, non sarebbero emerse responsabilità penali a carico dei genitori del piccolo Nicola Tanturli, il bimbo di 21 mesi ritrovato nei boschi di Palazzuolo sul Senio, nell’alto Mugello, dopo essere scomparso per quasi due giorni. Gli accertamenti, però, vanno avanti, così come l’audizione dei testimoni, per capire se ci siano profili per ipotizzare reati, come l’abbandono di minori, per il periodo in cui il bimbo, non sorvegliato, è riuscito a lasciare il suo lettino, aprire la porta e addentrarsi nel bosco che circonda la casa colonica dove vive insieme alla madre, al padre e a un fratello più grande.

Toscana, 15enne ferrarese scompare e viene ritrovato a Pistoia: aveva attraversato l'intera regione in bicicletta

 

Nicola, come sta il bambino

Nicola sta bene, ma è ancora scosso. Ha trascorso trentasei ore da solo, vagando per le valli e i boschi dell’appennino toscano, trascorrendo la notte lontano da casa. Per cercarlo, si è mobilitato un intero paese, oltre alle forze dell’ordine, con cani molecolari, sommozzatori, termoscanner, elicotteri. A trovare il bimbo, un giornalista Rai. Il piccolo ha trascorso un giorno e una notte insieme alla mamma all’ospedale pediatrico Meyer, poi è stato rimandato a casa con i genitori, visto che le sue condizioni erano buone: solo qualche graffio e qualche piccolo livido, nonostante sia stato trovato in fondo a una scarpata. Il bambino, comunque, è ancora spaventato. Non gradisce estranei intorno mentre gioca nei suoi campi, e la famiglia ha fatto sapere che desidera essere lasciata in pace e dimenticare le ore terribili tra la sera del 21 giugno e la mattina del 23.

 

Nicola Tanturli, verifiche sui genitori: il fratello era sparito come lui

L'allontanamento è stato volontario

Per le autorità, Procura e carabinieri, l’allontanamento dalla casa è stato volontario, in linea con la vita all’aria aperta e libera che la famiglia conduce. Nicola ha meno di due anni, quindi è praticamente impossibile che riesca a raccontare i fatti. Sui suoi tragitti e sui suoi spostamenti, ma soprattutto su come abbia fatto a uscire indenne da questa incredibile avventura, ci sono solo ipotesi. Anche il fratello più grande, che adesso ha 4 anni, circa un anno fa si era allontanato da solo da casa. Lo aveva recuperato, a 2 km di distanza, il proprietario di un’altra tenuta. Nicola e il fratello sono abituati a seguire i genitori anche nella conduzione delle capre lungo più sentieri che si allontanano dalla sterrata principale e si incrociano per centinaia di ettari. Il bimbo, sfruttando anche la visibilità data dalla luna piena, potrebbe avere seguito le vie da pastori prima di perdersi. In tutto ha fatto più di tre km, una distanza enorme per la sua età.

Nicola Tanturli, indagini su 5 punti: il giallo dei sandali, se li è messi da solo?

Ultimo aggiornamento: 16:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento