Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio Pantelleria, decine di case e ville evacuate. Protezione civile: abbiamo contenuto le fiamme. In fuga anche Giorgio Armani e Tardelli

La Protezione civile: fuoco appiccato in modo scientifico, Canadair in azione non prima dell'alba di giovedì

Mercoledì 17 Agosto 2022
Incendio a Pantelleria, case evacuate e turisti in fuga: tra questi anche Giorgio Armani, Myrta Merlino e Marco Tardelli

Paura a Pantelleria in serata dove un incendio di proporzioni "preoccupanti" ha reso necessario evacuare diverse abitazioni. Il rogo è divampato nelle contrade Favarotta, Khamma e Perimetrale. Le fiamme hanno divorato ettari di vegetazione mettendo in pericolo diverse abitazioni che sono state evacuate. Secondo i vigili del fuoco, però, non risultano persone e abitazioni coinvolte. Le fiamme sono state alimentate dal vento di scirocco. In fuga i turisti. Tra le ville sgomberate anche quella del giocatore Marco Tardelli e dello stilista Giorgio Armani. Sull'isola c'erano pochi uomini e mezzi per fronteggiare le fiamme e i mezzi aerei di notte non possono alzarsi in volo. Grazie al lavoro dei vigili del fuoco, a lavoro con 5 mezzi per circoscrivere e spegnere le fiamme «la situazione è migliorata grazie all'azione di contrasto favorita dalla diminuzione del vento di scirocco». 

«Dopo una estate torrida e piena di incendi, questa sera anche la mia amata Pantelleria brucia. Un incendio doloso qui dove nemmeno possono arrivare i canadair a causa del vento. Basta incendi dolosi, chi deturpa il nostro patrimonio deve pagarla carissima», racconta in un tweet la giornalista Myrta Melino che ha una abitazione sull'isola assieme a Marco Tardelli.

La Protezione civile: incendio contenuto

«L'incendio è stato contenuto, rimangono alcuni focolai». Lo dice il capo della Protezione civile, Salvo Cocina. «È andata bene - aggiunge - perché il vento di scirocco spinge verso il mare, altrimenti sarebbe stato complicato». Cocina spiega che «non c'è stato alcun danno a persone, bruciate solo alcune strutture in legno come tettoie e gazebo». Comunque all'alba partiranno per Pantelleria un canadair e mezzi aerei del Corpo forestale regionale. Da Trapani salperà una nave per trasportare altri mezzi antincendio. 

Incendio a Pantelleria, cosa è successo

L'incendio a Pantelleria sarebbe divampato su più fronti. Impegna i forestali sul versante nord della Cuddia di Gadir. I volontari comunali, invece, stanno operando sul versante mare. Alle 23 sono partiti per l'isola col traghetto da Mazara del Vallo diverse squadre della Protezione civile. «Un vasto incendio boschivo sta interessando la zona della borgata Gadir, le squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro per fermare l'avanzata delle fiamme», scrivono in un tweet i vigili del fuoco, È stato una lunga giornata difficile anche nel palermitano. Con sette roghi nella zona di Partinico, Misilmeri, nel parco dei Sicani. Fiamme sono divampate a Casale Belmonte Mezzagno, Pizzo Garibaldi ad Alia e contrada Marino a Prizzi. E pochi giorni fa volontari e soccorritori avevano dovuto fronteggiare in un'altra isola siciliana, Stromboli, una "disastro annunciato". L'incendio partito durante le riprese della fiction «Protezione civile» nel maggio scorso ha reso nudo il versante montuoso di Stromboli incenerendo metà dell'isoletta e distruggendo vegetazione e fauna. E pochi giorni fa, il 12 agosto, un temporale ha cambiato il volto del centro abitato: arrivati a valle migliaia di tonnellate di fango, detriti, massi, si sono formati fiumi d'acqua in piena. Case allagate, strade spaccate, moto, macchine, le Ape Piaggio, tutte sommerse dal fango. Stasera ancora paura.

Protezione civile: fuoco appiccato in modo scientifico

«Il fuoco è stato appiccato in modo scientifico in due posti diversi di Pantelleria, a favore di vento, approfittando dello scirocco». A dirlo all'Adnkronos è l'ingegner Salvo Cocina, Capo della Protezione civile della Regione siciliana che sta monitorando la situazione degli incendi sull'isola. «Oltre a minacciare le case l'incendio potrebbe attaccare la montagna e il Parco nazionale - avverte Cocina - sarebbe un danno notevole, un disastro».

«Sul posto c'è la squadra aeroportuale dei Vigili del fuoco e la Forestale, oltre alla Protezione civile. Ora stiamo cercando di mandare altri volontari, ma arriveranno solo domani mattina alle 7 perché partono con la nave delle 23.30 da Trapani». Intanto, per giovedì mattina la protezione civile ha programmato l'inviio dei Canadair. «Di notte non si possono muovere per spegnere l'incendio - spiega - purtroppo possono partire solo domani (oggi, ndr) all'alba».

 

Myrta Merlino sull'isola: «Situazione molto pericolosa, basta incendi dolosi»

E la giornalista Myrta Merlino è stata una delle persone costrette a lasciare l'isola: «Non riescono a spegnere l'incendio perché c'è vento e non fanno partire i canadair. La situazione sembra molto pericolosa, hanno evacuato tutti nella zona Gadir», ha detto al Messaggero. Poi ha testimoniato con delle foto sul suo profilo Instagram le fiamme che hanno assalito l'isola: «Dopo un'estate torrida e piena di incendi, questa sera anche la mia amata Pantelleria brucia. Un incendio doloso qui dove nemmeno possono arrivare i canadair a causa del vento. Basta incendi dolosi, chi deturpa il nostro patrimonio deve pagarla carissima».

Francesca Barra: paura e danni che non sono quantificabili

Un’altra testimonianza arriva, via Instagram, dalla giornalista e scrittrice Francesca Barra. «Eravamo nella zona dove sono scoppiati gli incendi oggi, con i bambini. Paura, fughe, case evacuate, danni che per ora non sono quantificabili. Sembrerebbero incendi di origine dolosa, una vergogna senza fine. Criminali! Noi siamo al riparo - scrive - vorrei tranquillizzare tutti quelli che ci stanno scrivendo».

Gli abitanti: «Lingue di fuoco raggiungono le abitazioni»

«La situazione è molto grave. Siamo spaventati e preoccupati. le lingue di fuoco rischiano di raggiungere le abitazioni». A parlare sono alcuni abitanti dell'isola di Pantelleria che stanno seguendo gli sviluppi dell'incendio divampato questa sera in una parte dell'isola. Sul posto mezzi e uomini dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale Regionale. «Le immagini sono raccapriccianti - dice Angelo Casano che si trova sull'isola - Un ringraziamento a tutti i volontari, vigili del fuoco, forestali, protezione civile per quanto stanno facendo in queste ore. Rimane sempre la solita domanda: Chi? Chi può spingersi fino a tanto?».

Turisti in fuga

Chi ha potuto è salito sulle barche e sui gommoni per allontanarsi il più possibile, mentre le fiamme alte illuminano la notte di Pantelleria. Le ville e i dammusi più vicini al fronte del fuoco sono state sgomberate, tra cui quella dello stilista Giorgio Armani che stava ospitando alcuni amici quando ha dovuto abbandonare di gran corsa la sua dimora, a bordo di suv per raggiungere la costa e salire sulla barca. La Capitaneria di porto ha fatto salire sulle proprie motovedette alcuni turisti in fuga.

Video

Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 06:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA