Pasqua e Pasquetta in zona rossa: gite vietate, sì ai parenti. Ecco cosa si può fare

Sabato 3 Aprile 2021 di Diodato Pirone
Pasqua e Pasquetta in zona rossa: gite vietate, sì ai parenti. Ecco cosa si può fare

A Pasquetta niente gita fuori porta con gli amici. È il sacrificio più grosso imposto dal Covid-19 per le feste pasquali in rosso. Già perché l’Italia sarà in “fascia rossa” anche oggi e domani il che significherebbe che sarebbe vietato persino uscire di casa. Per fortuna le norme disposte dagli ultimi decreti governativi preservano un minimo di libertà personale, a partire dalla possibilità - sia pure solo in coppia (con i figli con meno di 14 anni) e per una sola volta al giorno - di visitare parenti e amici. Ma il senso della zona rossa generalizzata è chiaro: ridurre al minimo i contatti interpersonali perché statisticamente da un maggior numero di incontri scaturisce un aumento di contagi, ricoveri e decessi. 

Da martedì 6 aprile poi alcune Regioni, come il Lazio e l’Umbria, torneranno in arancione (con il Veneto che esce dal “rosso”), potranno godere di regole meno dure. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa si può fare e cosa no oggi e domani.

 

La Ue perdente sui vaccini e il nodo dei Trattati

Zona gialla e bianca, Sileri: «A maggio cambi di colore per molte Regioni. Numeri migliorano»

Zona rossa e arancione, mappa dei colori delle regioni da martedì 6 aprile

 

 

Le regole

 

È permessa la gita fuori porta?

 

Purtroppo no. La regola di base contro la pandemia è il divieto degli assembramenti: dunque niente gita con gli amici. Fare una passeggiata nei parchi per chi abita in città o in campagna per chi vive in un piccolo centro è però consentito. È importante che si stia assieme solo a propri conviventi e si rispettino le distanze anche all’aperto. Nei giorni scorsi i parchi sono stati presi d’assalto, è quindi importante tenere la mascherina anche nel verde. 

 

Si spossono visitare parenti e amici?

 

Si, ma con limitazioni. Si può fare solo una visita al giorno, in coppia e con figli di età inferiore ai 14 anni. Questo significa che non si possono ospitare in casa più di due famiglie e che è bene essere in pochi a tavola e restare distanziati. È sconsigliabile stare in casa per molto tempo con le finestre chiuse. L’areazione dei locali è fondamentale per ridurre i rischi. Le feste private sono vietate da ottobre e le forze dell’ordine sono autorizzate ad interromperle. Il coprifuoco scatta sempre alle 22.

 

Si può andare da un parentre non autosufficiente?

 

Si. Esattamente come a Natale.

 

È permesso andare in chiesa?


Si. Va mantenuto rigidamente il distanziamento. E’ vietato cantare. I Vescovi consigliano ai fedeli di recarsi presso la Chiesa più vicina alla loro abitazione e di scegliere gli orari meno frequentati per partecipare alle funzioni religiose.


Nel Lazio si può andare nella seconda casa?

 

Nel Lazio si, a patto di usufruirne con le persone con le quali si convive. 

 

In Campania o Toscana si può usare la casa di vacanza?

 

No. Queste Regioni hanno proibito l’uso delle seconde case. La Campania (come la Liguria e la Puglia) non solo ai cittadini di altre Regioni ma anche ai residenti. L’unica eccezione possono essere i casi gravi come la rottura delle tubazioni o danni da maltempo ma vanno giustificati con l’autocertificazione. Per andare in Sardegna occorre iscriversi alla App “Sardegna Sicura” e presentare il certificato di vaccinazione o l’esito di un tampone. Anche per entrare in Sicilia occorre avere la prova di un tampone negativo recente.

 

Bar e ristoranti sono aperti?

 

I ristoranti lavorano solo per asporto fino alle 22, i bar sempre per asporto fino alle 18.


Si può andare all'estero?


Si. Sul sito del ministero degli Esteri c’è l’elenco dei Paesi dove si può andare in vacanza e dove non è permesso. Sia per la partenza che per il ritorno è necessario effettuare tamponi e sottoporsi alla quarantena. 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 09:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA