Zona rossa Pasqua, dove posso andare? Amici, spostamenti (limite di 2 adulti), partner: le regole

Venerdì 2 Aprile 2021 di Francesco Malfetano
Zona rossa Pasqua, dove posso andare? Amici, spostamenti (limite di 2 adulti), partner: le regole

Da oggi l'Italia torna ad essere completamente rossa. Il 3, il 4 e il 5 aprile infatti, nell'intera Penisola saranno in vigore le restrizioni anti-Covid più rigororse con l'obiettivo di limitare le possibilità di contagio nel weekend di festa che sta per iniziare. Domani, a Pasqua e Pasquetta però, accanto all'ormai consueto coprifuoco tra le ore 22 e le 5 del mattino, all'autocertificazione da portare sempre con sé e al divieto di spostarsi dalla propria abitazione se non per validi motivi (er cui niente scampagnate o pranzi all'aperto), saranno in vigore anche diverse deroghe mutuate dall'esperienza natalizia. Per cui, alla luce di restrizioni e concessioni, vediamo cos'è possibile fare e non fare nei prossimi tre giorni.

Zona arancione Veneto, Marche e Trento. Campania e Liguria rosse. Luca Zaia: «Riapro le scuole»

SPOSTAMENTI, SECONDE CASE E RICONGIUNGIMENTI

Ad esempio, nel rispetto del coprifuoco e del divieto di varcare i confini della propria Regione, è consentito effettuare una visita al giorno a casa di amici e parenti. Possono però muoversi non più di due adulti insieme, al massimo con minori di 14 anni o disabili o non autosufficienti conviventi. A differenza di quanto stabilito dal Decreto Natale però, quello attuale non pone formalmente un limite alle persone che si possono ricevere in casa e si limita a «raccomandare fortemente» di non invitare a casa persone diverse dai conviventi. Pure le regole che riguardano le seconde case appaiono meno stringenti rispetto al recente passato natalizio. Come chiarito dalle Faq di Palazzo Chigi infatti, ci si può recare a prescindere dalla fascia di colore in cui esse sono collocate (a meno di ordinanze regionali come quelle della Sardegna, Toscana, Valle D'Aosta, Campania, Liguria, Puglia, Sicilia, Piemonte e della P.A. di Bolzano). Tuttavia può andarci solamente un singolo nucleo familiare e solo se la casa non è abitata da altri. Inoltre la famiglia deve essere in grado di dimostrare di essere proprietaria o affittuaria da una data antecedente il 14 gennaio 2021.

 

 

 

 

Il rientro in queste case invece è sempre consentito, sia che esse si trovino dentro che fuori dalla regione di riferimento. Allo stesso modo non solo è sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio o la proria residenza, ma - pure varcando i confini regionali - anche i ricongiungimenti tra partner che vivono in comuni o regioni differenti (a patto che questo avvenga all'interno dell'abitazione principale), gli spostamenti per vedere i propri figli minorenni nel caso dei genitori separati o quelli per prestare assistenza ad una persona non autosufficiente non assistita da nessuno in quel periodo (un solo parente adulto).  

 

Il modulo per l'autodichiarazione - Scarica il Pdf

 

 

Vaccini, a Roma e nel Lazio in farmacia dal 20 aprile: si parte con chi ha dai 55 ai 60 anni 

Lazio, come sapere quale vaccino mi iniettano tra AstraZeneca, Pfizer e Moderna

PASSEGGIATA, MESSA E PRANZO FUORI

Se è vero che per questa Pasqua si dovrà quindi rinunciare alla gita fuori porta (non è infatti consentito spostarsi se non per validi motivi) o al pranzo al ristorante (tutti i locali sono chiusi in zona rossa se non per asporto o consegne a domicilio) ma anche ad una visita ai musei o ad un bagno al mare (chiusi anche gli stabilimenti balneari) ci si potrà invece recare in un parco o semplicemente a fare una passeggiata. L'attività motoria è infatti sempre consentita, ma solo se fatta individualmente, portando una mascherina con sé, evitando assembramenti e soprattutto restando nei pressi della propria abitazione. Discorso diverso per chi ha in mente una lunga uscita in bicicletta. A patto di partire dalla propria casa e farvi ritorno infatti, e dunque non caricare la bici in macchina per raggiungere un punto di partenza differente, ci si può anche allontanare dal proprio comune pedalando. 


Allo stesso modo ci si può però spostare per andare in chiesa o negli altri luoghi di culto avendo l'accuratezza di scegliere sempre il più vicino a casa. Infatti, l’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro (e con obbligo di mascherina).

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA