Covid, quarantena violata in Irlanda, si dimette Phil Hogan, commissario Ue al Commercio

Mercoledì 26 Agosto 2020

Il Commissario Ue al Commercio, l'irlandese Phil Hogan, si è dimesso dopo aver violato le regole anti Covid-19 in Irlanda. Lo ha confermato all Dpa il suo capo di gabinetto Peter Power. La settimana scorsa, Hogan ha partecipato ad un evento in un golf club in Irlanda con altre 80 persone.

La presidente della commissione Ue, Ursula von der Leyen, riferisce l'Irish Times, gli ha poi chiesto spiegazioni sui suoi movimenti in Irlanda, dopo che sono emersi dubbi sul fatto che abbia rispettato la quarantena di 14 giorni per i viaggiatori in arrivo. Diversi esponenti politici irlandesi avevano chiesto le dimissioni di Hogan e oggi anche il primo ministro Micheal Martin aveva sottolineato l'imbarazzo del governo di fronte ad «una narrativa in cambiamento» sui movimenti del commissario Ue. Diversi testimoni hanno riferito di averlo incontrato in luoghi pubblici mentre doveva essere in quarantena.
 

Quarantena violata


Ora l'Irlanda dovrà scegliere un nuovo commissario, ma non è detto che possa conservare il Commercio. Gli incarichi sono a discrezione di Von der Leyen che in serata ha annunciato di aver accettato le dimissioni.

Irlanda, il presidente dell'ente del turismo si dimette per aver fatto le vacanze in Italia

«Questa sera ho presentato le mie dimissioni da Commissario UE per il Commercio al Presidente della Commissione Europea, dottoressa Ursula von der Leyen». Dichiara il commissario UE per il commercio Phil Hogan in una nota. «Stava diventando sempre più chiaro che la controversia sulla mia recente visita in Irlanda stava diventando una distrazione dal mio lavoro di Commissario dell'UE e avrebbe minato il mio lavoro nei mesi chiave a venire» scrive Hogan, «sono profondamente dispiaciuto che il mio viaggio in Irlanda - il paese che sono stato così orgoglioso di rappresentare come funzionario pubblico per la maggior parte della mia vita adulta - abbia causato tanta preoccupazione, disagio e turbamento».

«Ho sempre cercato di rispettare tutti i regolamenti COVID-19 in Irlanda e avevo pensato di aver seguito tutte le linee guida di salute pubblica pertinenti, in particolare dopo la conferma di un test COVID-19 negativo. Ribadisco le mie più sentite scuse al popolo irlandese per gli errori che ho commesso durante la mia visita. Il popolo irlandese ha compiuto sforzi incredibili per contenere il coronavirus e la Commissione europea continuerà a sostenere l'Irlanda e tutti gli Stati membri dell'UE per sconfiggere questa terribile pandemia» prosegue Phil Hogan nella nota.

«Lasciatemi dire dal profondo del cuore che apprezzo e riconosco pienamente la sfida posta dalla pandemia COVID-19 alla nostra società e all'economia globale. In qualità di Commissario europeo per il commercio, sono stato in prima linea nella risposta dell'Unione europea alla crisi. Riconosco l'impatto devastante del COVID-19 su individui e famiglie e comprendo appieno il loro senso di dolore e rabbia quando sentono che coloro che sono nel servizio pubblico non soddisfano gli standard che ci si aspetta da loro. Ô importante affermare che non ho infranto nessuna legge. In qualità di rappresentante pubblico avrei dovuto essere più rigoroso nella mia adesione alle linee guida Covid».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA