Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, navi e yacht cambiano bandiera a ritmo record per evitare sanzioni (anche alle Marshall)

Diciotto navi, comprese 11 navi mercantili della stessa flotta, sono passate a bandiere non russe a marzo

Lunedì 4 Aprile 2022
Russia, navi e yacht cambiano bandiera a ritmo record per evitare sanzioni (anche alle Marshall)

Sventolare la bandiera russa? Troppo rischioso. Così molte navi battenti bandiera russa hanno cambiato bandiera a marzo, probabilmente per nascondere i loro legami con Mosca ed evitare di essere coinvolte nelle sanzioni per l'invasione dell'Ucraina. Secondo la società di consulenza marittima Windward Ltd, 18 navi, comprese 11 navi mercantili della stessa flotta, sono passate a bandiere non russe il mese scorso. «Alcuni di questi casi potrebbero indicare che i proprietari di queste navi vogliono mascherare intenzionalmente la propria identità per condurre affari che non sarebbero consentiti dalle nuove sanzioni", ha affermato Windward in un rapporto condiviso con Bloomberg News.

Abramovich, i tre nuovi yacht segreti (uno ha il nome italiano) della sua flotta da 1 miliardo di dollari

Petroliere e yacht milionari

I cambi di bandiera arrivano quando le navi russe, dalle petroliere agli yacht multimilionari di proprietà degli oligarchi, si sono oscurate, disattivando i sistemi di identificazione e trasmissione della posizione che dovrebbero essere sempre accesi mentre si è in mare. La pratica aiuta a evitare il rilevamento e può comportare rischi per la sicurezza marittima. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri alleati hanno intensificato le sanzioni contro la Russia a causa dell'invasione dell'Ucraina iniziata a fine febbraio. L'8 marzo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo che vieta le importazioni di petrolio e gas russi, mentre il Regno Unito ha affermato che eliminerà gradualmente le importazioni di petrolio entro la fine dell'anno. Entrambi i paesi, insieme al Canada, hanno anche escluso le navi russe dai loro porti.

 

Le navi che hanno cambiato bandiera

"Le aziende straniere hanno motivazioni diverse per spostarsi dalla bandiera russa, vogliono che le loro navi possano operare ovunque senza restrizioni e, in alcuni casi per ragioni morali", ha affermato Gur Sender, product manager di Windward. Delle 18 navi, tre sono petroliere, due delle quali trasportano petrolio, secondo Windward. Cinque che hanno cambiato bandiera a marzo sono collegate direttamente ai proprietari russi. Undici navi mercantili provengono dalla stessa flotta di proprietà di una compagnia degli Emirati Arabi Uniti e tutte hanno cambiato bandiera alle Isole Marshall. Tre navi hanno cambiato in bandiere Saint Kitts e Nevis.

Le sanzioni commerciali

Il cambio di bandiera non è necessariamente insolito: a volte accade a causa di un cambio di proprietà o area operativa, ha affermato Sender. La media mensile per le navi di Singapore nel 2021 è stata di 17 cambi di bandiera, mentre il Giappone ne ha una media di cinque al mese quest'anno. Quei numeri rimangono coerenti, tuttavia. I cambiamenti nella flotta russa di 3.300 uomini sono improvvisamente aumentati, non avendo mai superato più di nove in un mese a partire da gennaio 2020, secondo i dati di Windward. "Ciò che rende interessanti i cambi di bandiera è quando si verificano in correlazione con restrizioni commerciali nei confronti di un paese specifico, specialmente quando una delle società di gestione o di proprietà è effettivamente registrata nello stesso paese soggetto a restrizioni", ha affermato Sender.

Ultimo aggiornamento: 15:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA