Strage a Nizza, il killer sbarcato in Italia il 20 settembre poteva essere fermato per 3 mesi «Ma non c’erano alert su di lui»

Venerdì 30 Ottobre 2020 di Valentina Errante
Strage a Nizza, il killer sbarcato in Italia il 20 settembre poteva essere fermato per 3 mesi «Ma non c erano alert su di lui»

 Ventisei sbarchi. Il 20 settembre a Lampedusa arrivano 253 migranti, è tra loro che si confonde  Brahim Aoussaoui, tunisino di 21 anni, il killer di Nizza di 21 anni che per la prima volta varca le porte dell’Europa. Non ha con sé documenti, ma dichiara di essere partito dalla Tunisia, il Paese del Nord Africa con il quale l’Italia ha un accordo per i rimpatri. Aoussaoui resta in quarantena per 15 giorni su una nave della Croce Rossa. Sono...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 11:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA