Ryanair, addio ai voli a 10 euro. L'ad O'Leary: «Le tariffe superscontate non si vedranno più»

Michael O' Leary: "La nostra tariffa media è stata l'anno scorso di 40 euro, andremo verso i 50 nei prossimi cinque anni".

Ryanair, addio ai voli a 10 euro. L'ad O'Leary: «Le tariffe superscontate non si vedranno più»
Giovedì 11 Agosto 2022, 09:13 - Ultimo agg. 09:14
4 Minuti di Lettura

Addio alle tariffe superscontate di Ryanair. I voli a 0,99 o a 9,99 euro sono destinati a scomparire per il caro energia scoppiato con la guerra in Ucraina e che pesa anche sul settore aereo. Lo ha detto l'amministratore delegato del gruppo, Michael O'Leary intervistato da BBC Radio 4. In un discorso molto ampio sull'inflazione, O'Leary ha spiegato che il settore delle low cost - che pure resisterà perché le persone continueranno a volare «frequentemente» - è inevitabilmente influenzato dagli aumenti del petrolio.

Ryanair, sciopero per cinque mesi in Spagna: vacanze a rischio per 1,4 milioni di persone

Le nuove tariffe

«Non credo che ci saranno più voli a 10 euro. La nostra tariffa media è stata l'anno scorso di 40 euro, andremo verso i 50 nei prossimi cinque anni. Le nostre tariffe promozionali superscontate, quelle a 1 euro, a 0,99 o anche a 9,99, penso che non si vedranno per un certo numero di anni». Ryanair continuerà comunque ad avere «milioni di posti a 19,99 euro, 24,99 e 29,99». 

 

L'aumento del carburante

L'aumento dei costi del carburante che sta spingendo verso l'alto le tariffe aeree, sta anche aumentando le bollette energetiche delle famiglie, divorando il reddito disponibile delle persone. Ma il capo della compagnia aerea ha affermato che, nonostante ciò, si aspetta che i clienti cerchino opzioni a basso costo piuttosto che ridurre i voli. "Pensiamo che le persone continueranno a volare frequentemente. Ma penso che le persone diventeranno molto più sensibili ai prezzi e quindi la mia visione della vita è che le persone cambieranno molti milioni". Poiché le tariffe aeree sono diventate più convenienti negli ultimi decenni, il numero di voli effettuati è aumentato, con più persone che fanno brevi pause all'estero, oltre a una vacanza annuale. Compagnie aeree come Ryanair, Easyjet, Vueling e Wizz Air hanno gareggiato per offrire servizi a basso costo senza fronzoli. I voli commerciali ora rappresentano circa il 2,4% delle emissioni globali di CO2 e il settore sta affrontando pressioni per ridurre il proprio impatto sul clima, comprese le campagne per persuadere le persone a passare ai viaggi su rotaia e su strada. Tuttavia, il signor O'Leary ha affermato che il trasporto su strada e il trasporto marittimo sono stati i maggiori contributori di CO2 in generale e ha affermato che l'attenzione sulla riduzione delle emissioni dei viaggi aerei è "fuori luogo". Ha affermato che Ryanair sta investendo in aeromobili più efficienti in termini di carburante, ma che maggiori riduzioni nell'uso di combustibili fossili deriverebbero dal passaggio da benzina e diesel ai veicoli stradali elettrici.

La carenza di personale

Sulla scia della pandemia di Covid, che ha gravemente interrotto i viaggi internazionali, le persone si sono dimostrate desiderose di tornare a bordo dei voli. Ma con la ripresa della domanda di viaggi aerei, la carenza di personale nelle compagnie aeree e negli aeroporti ha portato a ritardi e cancellazioni, nel Regno Unito e all'estero. Alcuni passeggeri sono stati costretti ad aspettare per ore o riprogrammare il viaggio all'ultimo minuto. O'Leary ha affermato che Ryanair ha gestito la situazione meglio di altre compagnie aeree perché è stata "in parte fortunata e in parte coraggiosa" nella sua decisione di iniziare a reclutare e addestrare personale di bordo e piloti lo scorso novembre, quando la variante Omicron stava ancora influenzando i viaggi internazionali. Nei primi sei mesi del 2022, Ryanair ha cancellato lo 0,3% dei voli, rispetto al totale di British Airways del 3,5% e del 2,8% di Easyjet, secondo la società di consulenza per i viaggi aerei OAG. Il signor O'Leary ha affermato di avere "pochissima simpatia" per gli aeroporti, dicendo che conoscevano gli orari con mesi di anticipo e che il personale di sicurezza, che è responsabilità degli aeroporti, richiedeva meno formazione dei piloti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA