A Napoli Giornata della memoria disertata dagli ebrei, il sindaco de Magistris: «Chi è assente ha torto»

Lunedì 27 Gennaio 2020

«Noi rispettiamo tutti ma oggi chi è assente ha torto» ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della celebrazione per la Giornata della Memoria in via Luciana Pacifici, disertata dalla Comunità ebraica in polemica con l'assessore alla Cultura, Eleonora De Majo, per le sue posizioni sulle politiche dello Stato di Israele.

LEGGI ANCHE Shoah, cerimonia dimezzata a Napoli: la comunità ebraica diserta il giorno della memoria
 

 

De Magistris, nel sottolineare di «non voler fare polemiche», ha evidenziato: «Qui oggi c'è tutta la città antifascista e antinazista che si riconosce nei valori della Costituzione quali la libertà, l'uguaglianza, la giustizia e la fratellanza. Bisogna evitare di costruire il rancore al contrario. Se ci sono dei problemi personali non era questa la giornata per manifestarli. Qui c'è la Napoli che si è schierata».

 

«Il 30 gennaio Napoli ricorderà il tributo di vite dei suoi concittadini alla tragedia dell'Olocausto. Sarebbe bello e giusto che in Piazza Borsa, alle 10,45, ci fosse tutta la società civile, le scuole, il mondo delle professioni e dell'associazionismo, insieme con tutti i napoletani che non dimenticano la tragedia e gli orrori del nazifascismo». Il presidente nazionale della Federazione Italia-Israele, Giuseppe Crimaldi, in una nota lancia «un appello a partecipare alla cerimonia del Giorno della Memoria organizzato dalla Comunità Ebraica di Napoli». Alla manifestazione hanno già offerto il patrocinio l'Ordine dei Giornalisti, il Sindacato Unitario dei Giornalisti Campani, la Federazione Nazionale della Stampa, gli Ordini degli Ingegneri, degli Avvocati, dei Farmacisti, dei Notai, la Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori, l'Arcigay, l'associazione Cittadinanza Attiva per Napoli. Parteciperanno anche consiglieri comunali di Napoli e il presidente della Ottava Municipalità. Per l'occasione l'ambasciatore dello Stato d'Israele, Dror Eydar, ha consegnato un messaggio alla Comunità e alla città che verrà letto da Giuseppe Crimaldi.

Ultimo aggiornamento: 19:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA