Camorra e omicidi, arrestato boss del clan Moccia: ordinò l'assassinio del rivale

Giovedì 7 Ottobre 2021
Camorra e omicidi, arrestato boss del clan Moccia: ordinò l'assassinio del rivale

I carabinieri hanno notificato in carcere a Mauro Franzese, elemento di vertice del clan camorristico dei Moccia, attivo ad Afragola, un'ordinanza di custodia cautelare per concorso nell'omicidio di Vincenzo Siervo, detto «'O paccone», un affiliato al clan Mazzarella di Napoli, avvenuto il 25 gennaio 1998 a Casoria.

Nel provvedimento cautelare del Gip, su richiesta della Dda di Napoli, l'omicidio di Siervo viene indicato come la causa scatenante della faida, tra il clan Mazzarella e il cartello camorristico dell'Alleanza di Secondigliano, che intratteneva buoni rapporti con il clan Moccia.

Per il clan Moccia l'uccisione di Siervo era divenuta strategica - secondo gli inquirenti - perchè l'affiliato al clan Mazzarella si era trasferito a vivere a Casoria, territorio dove opera il clan Moccia, e dove la sua presenza era quanto mai sgradita. Per la ricostruzione dei fatti si sono rivelate utili per gli inquirenti le dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia. 

Ultimo aggiornamento: 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA