Corruzione e favori al clan: arrestati cinque carabinieri e ex presidente consiglio comunale nel Napoletano

Lunedì 27 Gennaio 2020 di Leandro Del Gaudio

Cinque carabinieri agli arresti domiciliari, altri tre sospesi dal lavoro per un anno. Erano tutti in forza al gruppo di lavoro che incide su Sant’Antimo e sono stati raggiunti da indagini condotte dalla Dda sul clan Puca. Rispondono di corruzione, in alcuni casi si ipotizzano contatti con la stessa camorra dei Puca. Inchiesta condotta dal nucleo investigativo di Castello di Cisterna, in una vicenda che fa registrare la piena fiducia da parte della Procura di Napoli. Ed è stato lo stesso procuratore Gianni Melillo a chiarire alla stampa il sentimento di fiducia rivolto ad un corpo protagonista in questi anni di tante operazioni culminate in arresti e sequestri. Ha spiegato il procuratore Melillo: «Non ho alcun bisogno di riaffermare la fiducia nell’arma dei carabinieri che è sempre stata intatta e stabile. Il fondamento di questa fiducia è confermato dagli esiti di questa vicenda nella quale è stata l’arma dei carabinieri a svolgere funzione di pg».

LEGGI ANCHE Arrestato il boss Puca: ordinò l'omicidio del «Negus»

Inchiesta condotta dai pm Loreto e Serio, proviamo a capire chi sono i destinatari delle misure cautelari e in cosa consistono le accuse di corruzione: soldi e regali in cambio di notizie segrete su operazioni di alto impatto fatte a Sant’Antimo o mancate perquisizioni di autisti di boss, ma anche atteggiamenti morbidi nel dare (o non dare) esecuzione di misure e provvedimenti giudiziari come sequestri e altri interventi previsti dalla legge. 

LEGGI ANCHE Sventato il piano per uccidere un carabiniere, otto arresti nel clan Sequestrate armi da guerra 

Secondo un pentito, il clan avrebbe addirittura pedinato un maresciallo (si chiama Giuseppe Membrino) che ha svolto per anni un ruolo di argine contro il malaffare e contro il clan Puca. Arrivarono perfino a registrare tutti i suoi movimenti e a creare un cd poi messo nella cassetta di sicurezza del maresciallo: si trattava di immagini che ritraevano incontri alla luce del sole tra il militare è una sua informatrice, nel tentativo (vano) di destabilizzare il maresciallo e di intimidirlo. 

Ed è stato lo stesso maresciallo, anni fa, a subire un attentato dinamitardo sotto la sua automobile. 

Una vicenda che ha mostrato gli anticorpi dell’Arma, come ha ricordato il comandante provinciale generale Canio La Gala, anche alla luce delle migliaia di arresti e i tantissimi sequestri effettuati in questi anni. 

Tutti i carabinieri sotto inchiesta erano stati già allontanati da Sant’Antimo e da Castello di Cisterna.

Finiscono agli arresti per corruzione i carabinieri (per i quali è stata esclusa l’aggravange mafiosa) Raffaele MartucciAngelo PellicciaMichele MancusoVincenzo Palmesano, Corrado Puzzo; ai domiciliari anche l’ex presidente del consiglio comunale di Sant’Antimo Francesco Di Lorenzo e il boss locale Pasquale Puca (che è già in cella al carcere duro per altri reati).  

Mentre vengono sospesi per omissioni o abuso in atti di ufficio Carmine Dovere (abuso d’ufficio), il capitano Daniele Perrotta (omissione in atti di ufficio) e Vincenzo Di Marino (rivelazione di segreto d’ufficio). 

Ultimo aggiornamento: 22:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA