Nel Napoletano torna il marchio Coop: riaprono gli ipermercati di Giugliano e Nola

Mercoledì 27 Ottobre 2021 di Pino Neri
Nel Napoletano torna il marchio Coop: riaprono gli ipermercati di Giugliano e Nola

Il marchio Coop torna nel Napoletano e sfida il mercato della grande distribuzione commerciale. Ed è un ritorno di quelli importanti, costituito da un grande investimento non solo produttivo ma anche occupazionale. Grazie a questa strategica iniziativa imprenditoriale potranno infatti riaprire, dopo ben dieci mesi di chiusura che ha fatto togliere il sonno a centinaia di lavoratori e alle loro famiglie, i due ipermercati di Giugliano e di Nola, gli ex Auchan poi passati, a seguito dell'abbandono dell'Italia da parte dei francesi, a una controllata Conad, Margherita Distribuzione. Impianti infine chiusi il 31 dicembre dell'anno scorso, perché a sua volta Margherita li ha ceduti: oltre 200 i lavoratori finiti in cassa integrazione a zero ore.


Ma adesso c'è la svolta più che positiva, il classico momento da rilancio post Covid, una di quelle occasioni da non perdere. Ciò è stato reso possibile dall'accordo appena raggiunto tra la GDM, società con sede operativa tra Acerra e Afragola, e il master franchising Le Due Sicilie. Un accordo che consentirà la riapertura sotto le insegne Coop delle strutture di Giugliano, ubicato nel parco commerciale Grande Sud, e di Nola, all'interno del Vulcano Buono, di cui è volano economico. Dunque, si riapre: cassa integrazione ormai agli sgoccioli e prodotti Coop che stanno per fare di nuovo capolino nelle case di tante famiglie. Una riapertura che sta determinando la fine della cassa integrazione a zero ore per i 120 lavoratori di Giugliano e per gli altri 85 colleghi di Nola.

LEGGI ANCHE Napoli, ipermercati: 240 posti di lavoro a rischio, la Regione convoca le parti

Ci sono le date ufficiali della ripartenza. Giugliano riaprirà domattina alle nove. Nola ripartirà il 25 novembre. Nel frattempo i due impianti da ipermercati sono stati trasformati in modernissimi superstore. Il primo, quello di Giugliano, è ampio 3.000 metri quadrati. Il secondo, quello di Nola, 3.400. Tutto pronto quindi. Determinante nella partenza di questo notevole investimento per l'hinterland napoletano il ruolo di Coop Alleanza 3.0, la cooperativa bolognese della grande distribuzione che ha «benedetto» l'accordo tra la GDM srl e Le Due Sicilie. Deus ex machina dell'operazione commerciale, ormai giunta ai nastri di partenza, è Giovanni Longobardi, presidente di GDM. «Più che di una sfida o di una scommessa commenta Longobardi io parlerei di un logico investimento produttivo e occupazionale. Il marchio Coop per le famiglie napoletane è da sempre garanzia di estrema affidabilità sotto tutti i punti di vista, non solo sotto quello del rapporto conveniente tra qualità e prezzo».

Un investimento che sembra soltanto il prologo di un'espansione in tutto il territorio napoletano. «Sì conferma Longobardi dopo Giugliano e Nola vogliamo aprire altri due store in altrettante zone della provincia di Napoli, sempre nella cintura a nord e a nordest dell'hinterland. Ma stiamo valutando pure un altro punto vendita in Campania, al di fuori della provincia di Napoli». L'auspicio è che con l'apertura di Nola e di un altro dei negozi pianificati si possa chiudere definitivamente il regime di cassa integrazione.
C'è intanto chi scommette che le prossime nuove aperture di GDM a marchio Coop potranno risolvere tutti i problemi occupazionali. GDM due anni fa rilevò da Coop gli ipermercati di Acerra/Afragola, dove c'è la sede operativa della società campana, e di Quarto. Qui sono circa 250 gli addetti complessivamente impegnati; 130 quelli di Afragola, distante qualche centinaio di metri dal centro di Acerra. L'idea di fondo, da sempre attuata nel comparto cooperativistico, è di un'organizzazione del lavoro responsabile: contratti di lavoro regolari, diritti e doveri reciproci, merce di qualità. «Sì perché la grande distribuzione Coop conclude Longobardi è un'enorme famiglia in cui tutti operiamo per il bene collettivo, interno ed esterno». Si guarda molto alle famiglie. Allo scopo i superstore di Nola e Giugliano sono stati attrezzati con reparti libreria e multimedia, reparti che completeranno l'offerta costituita dai banchi macelleria, pescheria e, novità unica, il banco sushi, e dai reparti pane e pasticceria con produzione interna. Prevista la carta Coop Card, per avere accesso a promozioni e benefici riservati.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA