Covid ad Acerra, morto anziano in ospedale: non aveva patologie pregresse

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Enrico Ferrigno
La sede del Municipio di Acerra

Terza vittima stroncata dal Covid ad Acerra:  è un uomo di 90 anni che non aveva patologie pregresse ed era ricoverato al centro Covid di Maddaloni , nel Casertano. Ed in città il numero dei contagi (aggiornato alla serata di ieri)   segna la cifra record di 299 nuovi casi ben 51 in più rispetto alle precedenti 24 ore. Dal due ottobre, (la data che le autorità sanitarie utilizzano come riferimento per decretare un’eventuale stato di zona rossa )  si sono verificati ben 229 nuovi contagi il quadruplo rispetto ai 70 registrati in  precedenza.Ma il numero dei contagi potrebbe essere addirittura maggiore rispetto ai dati ufficiali pubblicati sul sito del Comune. È questa la sensazione dei 36 medici generici acerrani alle prese con i casi presi in carico da ognuno di loro.  

LEGGI ANCHE Il Covid ha ucciso l'influenza 

A finire sotto accusa è stata la piattaforma informatica con cui comunicare e  tracciare i casi accertati di contagio  all’Asl Napoli 2 Nord ed entrata in funzione lo scorso 21 ottobre. «Manca tutto: non vengono presi in carico i pazienti segnalati, il sistema entra spesso in tilt. Ci sono poi ritardi nel disporre i tamponi di controllo e mancate comunicazioni della liberatoria per i contagiati risultati guariti dal virus», denunciano i medici di famiglia. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 14:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA