Napoli, gli sciacalli del coronavirus: asportato un intero sportello bancomat

Giovedì 12 Marzo 2020 di Leandro Del Gaudio
Passeranno alla storia come gli sciacalli del Coronavirus. Piccoli criminali che in queste ore in cui la città sta mostrando il suo lato migliore - in termini di lealtà e fiducia verso lo Stato - ha trovato il modo per compiere azioni predatorie o piccole truffe.

LEGGI ANCHE Coronavirus, Salvini: «Se aggredisce il Sud è dramma totale. Lì strutture sanitarie diverse dalle lombarde»

Ieri notte (tra mercoledì e giovedì) in via Domenico Capitelli, strada che conduce alla monumentale piazza del Gesù, qualcuno ha asportato un intero sportello bancomat. Fino alle 21 di ieri notte, esisteva uno sportello che erogava soldi, mentre in nottata il bancomat è stato completamente divelto.

Via il marmo, via lo sportello, danni da quantificare. Stesso discorso per quanto riguarda furti e saccheggi registrati in zona porta Nolana, a pochi passi dalla stazione centrale, dove sono state svaligiate una salumeria e un altro negozio.

Non mancano furbetti con il camice bianco, a giudicare dai due laboratori clinici segnalati nel corso di un blitz del nas (alla guida del colonnello Maresca e del maggiore Tiano), che offrivano test e tamponi in materia di Coronavirus a 120 euro. Dubbi - sostengono gli esperti - anche sulla validità scientifica dei referti.

Ultimo aggiornamento: 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA