Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Delitto gay, il macabro piano di Ciro
garage affittato prima dell’omicidio

Lunedì 31 Luglio 2017 di Marilù Musto
Delitto gay, il macabro piano di Ciro garage affittato prima dell’omicidio

Ha tagliato il tronco con una motosega, all’altezza dell’ombelico, spezzando in due il corpo. Poi ha decapitato Vincenzo e ha nascosto chissà dove il braccio sinistro e la testa. «Modalità mafiosa» per far scomparire un corpo, tuonano dalla Procura di Napoli nord che sta coordinando le indagini sulla morte di Vincenzo Ruggiero, il ragazzo gay di 25 anni di Parete. Ma c’è ben altro. Ciro Guarente, l’omicida di Vincenzo, ha seguito un rito macabro che ripercorre le scene del vecchio film «Non aprite quella porta» del regista Tobe Hooper. In tutti i sequel compare la motosega.

Anche la devastazione del corpo della vittima è simile nelle scene del film. Analoga la modalità del sezionamento. I resti sono stati poi messi in una vasca e coperti di rifiuti e abiti. In un buco al centro della vasca topi e ragni avevano costruito una tana. Accanto, la polvere di cemento e le mattonelle comprate il giorno 8 luglio da Ciro per cercare di coprire tutto. Finzione che si mescola a realtà. Al centro, la vita di un giovane attivista dell’Arcigay finito in una storia più grande di lui. Domenica, la svolta. Con il ritrovamento dei resti di Vincenzo a Ponticelli.

 


«La puzza che proveniva dal garage era insopportabile», spiegano ora gli inquirenti, coordinati dal capo della Procura, Francesco Greco. Ma perché tanto accanimento sulla vittima? Si chiedono i carabinieri in queste ore. Ciro, l’ex militare di Marina, voleva farla franca. Facendo sparire il corpo avrebbe «inventato» la dinamica di un omicidio preterintenzionale con relativo sconto di pena. Il cardine della storia è lei, Heven Grimaldi, la trans polacca con la quale era fidanzato ormai dal 2010: Heven doveva essere sua e basta. La bella e bionda polacca però aveva ospitato Vincenzo a casa sua da circa tre mesi e questo faceva saltare i nervi a Ciro: «Mi dà fastidio vederlo qui, deve andar via da casa».

Vincenzo, prestante commesso del negozio Carpisa del centro commerciale Campania, aspettava di trovare una nuova sistemazione prima di lasciare per sempre l’appartamento di via Boccaccio. Aveva litigato con il fratello, non poteva rientrare a Parete. Ma questo Ciro non voleva capirlo. La bella trans - che compare come escort con il nome di Eva Petrova su alcuni siti internet per scambisti - aveva cominciato a prestare attenzioni a Vincenzo. E Ciro, che sui siti pare si prostituisse anche lui con il nome di Lino, aveva pianificato la morte del concorrente in amore.

Il movente dell’omicidio è la gelosia. Il giorno prima del 7 luglio l’ex marinaio aveva affittato il garage di via Scarpetta a Ponticelli - rione dove è cresciuto - dal gestore di un autolavaggio abusivo di una palazzina popolare. Il venerdì aveva atteso il rientro di Vincenzo a casa in via Boccaccio ad Aversa per circa due ore. L’avrebbe colpito alla testa forse con un bastone o una zappa, appena rientrato a casa. Scartata l’ipotesi che sia nata prima una discussione - così come aveva raccontato l’assassino ai carabinieri di Aversa il 28 luglio - Ciro si sarebbe disfatto del corpo portandolo nel garage, approfittando di un’assenza temporanea di Heven, a Bari per lavoro. Ha mentito, infatti, raccontando di aver disperso il cadavere nel mare di Licola.

Continua a leggere sul Mattino Digital

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 13:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA