Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Estate a Napoli: «In Campania sarà record di presenze»

Martedì 28 Giugno 2022 di Nando Santonastaso
Estate a Napoli: «In Campania sarà record di presenze»

Il turismo al Sud crescerà del 40% nel 2022, si legge nel recentissimo report di Srm, la Società di studi e ricerche sul Mezzogiorno collegata al Gruppo Intesa Sanpaolo, che ha approfondito il tema sulla base di «opportunità e minacce di carattere sanitario e della situazione geopolitica». Si resterebbe ancora un po' distanti dai livelli 2019 (89,5% la previsione più ottimistica) ma in alcune regioni, come la Campania, si supererà il 90% e comunque il turismo meridionale sarà nuovamente in linea con la media nazionale dopo il tonfo del 2020 e il modesto recupero del 2021. È anche sulla scorta di questi dati che cresce l'interesse per il Global Youth Tourism Summit, il primo vertice mondiale del turismo giovanile organizzato dall'Unwto (l'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite) in collaborazione con il ministero del Turismo e l'Agenzia nazionale del Turismo (Enit) che da oggi a domenica prossima farà di Sorrento la capitale mondiale dei futuri organizzatori e promotori di turismo. Protagonisti saranno infatti 130 ragazzi tra i 12 e i 18 anni provenienti da 60 Paesi, compresa l'Ucraina, che per l'intera settimana faranno una full immersion nel mondo del turismo, analizzando e riflettendo sugli aspetti negativi e positivi in un confronto alla ricerca di soluzioni e soprattutto di idee e proposte in vista dell'Agenda mondiale del turismo 2030 che sarà elaborata dalle Nazioni Unite. 

La strada per la verità sembra già ora abbastanza chiara: sostenibilità e digitale i pilastri sempre più irrinunciabili per il futuro del settore, specie in tempi di pandemia non ancora conclusa e di incognite internazionali angoscianti come gli scenari geopolitici e l'inquinamento del pianeta. I giovani, come sottolinea una nota degli organizzatori, lavoreranno assieme e ascolteranno politici e istituzioni dei propri Paesi e figure chiave nel settore turistico nonché esponenti di spicco del mondo dello sport, della gastronomia, dello spettacolo e dell'innovazione. È previsto anche un videomessaggio di Papa Francesco unitamente alle testimonianze, tra le altre di Mariya Gabriel, commissario europeo per la cultura, l'innovazione e la gioventù, di Sophia Loren, dell'allenatore dell'Atletico Madrid Diego Simeone, dell'ex bandiera del Real Madrid Fernando Hierro. Tra gli speaker dell'evento l'inviato Onu per la gioventù Jayathma Wickramanayake, ambasciatori Unwto del Turismo Responsabile quali Valeria Mazza, Didier Drogba, Gino Sorbillo, Pilar Rodriguez insieme a personalità di spicco quali la fondatrice e presidente della Smallworld Foundation Salam Hamzeh Ghaith, i vicepresidenti di MasterCard Nicola Villa e dell'Hilton Group Dominique Piquemal, il presidente di Msc Crociere Pierfrancesco Vago. Il sindaco di Sorrento Massimo Coppola consegnerà a Zurba Pololikashvil, segretario generale dell'Organizzazione mondiale per il turismo, la chiave della città realizzata dagli intarsiatori sorrentini.

Video

Interverranno altresì il governatore Vincenzo De Luca, i ministri del Turismo Massimo Garavaglia e degli Esteri Luigi Di Maio. Un appuntamento decisamente unico e stimolante anche perché i partecipanti potranno confrontarsi direttamente anche con i ministri del Turismo provenienti dal Congo, Croazia, Germania, Georgia, Albania, Maldive, Spagna, Montenegro, Sao Tome & Principe, Yemen e tanti altri Paesi Membri dell'Unwto. È anche prevista una sessione particolare dedicata e preparatoria alla simulazione dell'Assemblea generale, chiamata Ask Your Minister. «Una piattaforma unica per celebrare e responsabilizzare la prossima generazione di leader del turismo. Il Gyts aiuterà a costruire un'eredità duratura fornendo ai giovani le competenze e le conoscenze di cui hanno bisogno per trasformare il turismo non solo nelle loro comunità ma ovunque», dice il segretario generale dell'Unwto, Zurab Pololikashvili. «La sinergia che si può creare nel dialogo tra la generazione under 19 e le istituzioni in un confronto alla pari non può che far bene al turismo, per guardare al domani con occhi rinnovati e con idee che sanno già di futuro. Siamo emozionati più dei ragazzi che incontreremo» dichiara l'ad Enit Roberta Garibaldi

© RIPRODUZIONE RISERVATA