Fca ritira la proposta di fusione per Renault: «Niente condizioni politiche»

ARTICOLI CORRELATI
8
  • 37
Fca ritira la proposta di fusione per Renault per «mancanza delle condizioni politche in Francia». Il ritiro della proposta è arrivato dopo che il consiglio del gruppo Renault non ha deliberato in merito all'operazione al secondo giorno di riunione e dopo oltre sei ore di Cda a Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi. Il consiglio di amministrazione di Renault conferma di aver rinviato la sua decisione sulla proposta di nozze con Fiat Chrysler su richiesta di un rappresentante del governo francese. Pesante Fca in pre-apertura in Piazza Affari. Il titolo dell'ex-Lingotto cede il 3,32%, mentre la controparte parigina lascia sul campo oltre l'8%. Prosegue intanto il calo di Nissan (-1,3%) a Tokyo, alleata di Renault, con cui ha uno scambio azionario. 

«Il Cda non è stato in grado di prendere una decisione a causa dell'auspicio espresso dai rappresentanti dello Stato francese di rinviare il voto ad un consiglio ulteriore», si legge nella nota di Renault. «Il Cda di Renault si è riunito sotto alla presidenza di Jean-Dominique Senard per continuare a studiare con interesse la proposta di Fca riguardante una potenziale fusione 50/50 tra Renault e Fca». «Il Consiglio di amministrazione - si conclude nel comunicato - non è stato in grado di prendere una decisione a causa dell'auspicio espresso dai rappresentanti dello Stato francese di rinviare il voto ad un consiglio ulteriore». 

Due rappresentanti di Nissan nel consiglio di amministrazione di Renault avrebbero ritirato l'appoggio alla proposta di fusione presentata da Fca, alimentando i dubbi sull'impegno di Nissan a salvaguardare l'alleanza con Renault se la fusione andasse avanti, riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali lo stato francese non intende approvare la fusione senza garanzie che l'alleanza fra Nissan e Renault prosegua. Per questo lo stato francese avrebbe chiesto di posticipare il voto.

Fca in calo a Wall Street nelle contrattazioni after hours dopo le indiscrezioni sul ritiro dell'offerta di fusione con Renault dopo che il consiglio di amministrazione della casa francese non ha raggiunto un accordo sulla proposta al secondo giorno di riunione. I titoli Fca perdono il 3,71%.
Giovedì 6 Giugno 2019, 09:03 - Ultimo aggiornamento: 06-06-2019 18:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-06-06 11:38:03
la strategia dell'auto elettrica è una bufala;la fiat è forte nell'auto a metano che non inquina e dovrebbe proseguire su questo percorso.L'auto elettrica tra l'altro ha alcuni grossi problemi:in primis i tempi di ricarica.A casa tra l'altro pochissimi hanno il propio garage con presa elettrica. In secondo, il problema dello smaltimento delle batterie che inquinano tantissimo.Chi smaltirà e dove tutte queste batterie?Si comprano dalla Cina e diventano rifiuto pericoloso in europa.La Cina non se le riprenderà. La terza, la pericolosità in caso di incidenti.In caso di incidenti alcune parti potrebbero andare sotto tensione continua di centinaia di volt folgorando gli occupanti o eventuali soccorritori. Siamo quindi alle solite :il voler imporre un qualcosa che è meno efficiente di una bella auto a metano per creare grossi problemi di ecologia e sicurezza. Tra l'altro le bufale continuano perché l'auto diesel è una perseguitata storica.A Napoli si bloccano le auto,ma le navi al porto, vera fonte inquinante devono stare con i motori a olio combustibile accesi.Davvero forti al comune con le ridicole domeniche ecologiche e le navi che continuano a inquinare.La stessa marmitta catalitica se è vero che trattiene le particelle inquinanti , ma quando si scarica,sempre per strada finiscono.Tra l'altro in casa ,i vecchi motori diesel con le particelle grossolane fermate alle finestre non fanno danni mentre i nuovi con particelle sottili si, perché entrano dappertutto.
2019-06-06 18:09:11
saggia riflessione, d'altronde Marchionne ha sempre ripetuto che la'uto elettrica non era il futuro, e lui non era certo un pinco-pallino, poi aggiungo, cosa succederà sugli autogrill nei mesi di alta stagione? se adesso per fare un pieno di benzina ci vogliono 5/10 minuti e già le code ci sono, per l'elettrica che nel migliore dei casi, ci vogliono dai 30 ai 60 minuti per la ricarica, si dovrà uscire dall'autostrada?
2019-06-06 11:26:42
Sarebbe stato strano che la Francia avesse accettato di mettere la sua Renault sotto una società inventata dagli italiani caso mai è la Francia con Renault che assorbe FCA. Questo è il risultato degli attacchi a Macron da parte di nostri politicanti
2019-06-06 13:17:00
ti sarebbe piaciuto invece inchinarti ai Francesi? Loro possono mettere sotto e noi non possiamo?
2019-06-06 11:22:23
Sarebbe stato strano che la Francia accettasse di mettere la sua Renault sotto una società inventata dagli italiani caso mai è la Francia che assorbe FCA. Questo è il risultato degli attacchi a Macron da parte di nostri politicanti

QUICKMAP