Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frana agli Scavi di Ercolano per il maltempo: «Solo danni di lieve entità»

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Francesca Mari
Frana agli Scavi di Ercolano per il maltempo: «Solo danni di lieve entità»

Frana agli Scavi di Ercolano per il maltempo: cede parte di Viale Maiuri. A causa del maltempo e delle intense piogge degli scorsi giorni, questa notte si è verificato uno scivolameto corticale di terreno nella parte sud-est della scarpata del viale che collega la città moderna con la città antica. Circa 150mq di superficie interessata si sono riversati nella parte bassa del Parco impegnando il giardino della domus di Telefo, area già precedentemente interdetta al pubblico.

LEGGI ANCHE «Thalassa», a dicembre al Mann la mostra sulle meraviglie del Mediterraneo

«Lo smottamento di terreno nella parte sud-est della scarpata del viale Maiuri ha provocato al momento solo danni di lieve entità», assicura il direttore del Parco archeologico Francesco Sirano che si compiace per la rapidità degli interventi e l'operato dei tanti professionisti coinvolti. «Una macchina organizzativa perfetta che ha consentito di gestire con tempestività e professionalità tutte le operazioni necessarie alla messa in sicurezza e all'individuazione dei danni che al momento risultano solo di lieve entità. Eccezionale la collaborazione con l'equipe Packard, che ha messo a disposizione dati storici e analisi utili per l'inquadramento dell'intervento».
 


Sirano aggiunge anche che «il movimento del terreno ha messo in luce una interessante scoperta: la presenza di un tunnel borbonico che era già stato all'attenzione di Amedeo Maiuri e che comprometteva la staticità della scarpata».

L'area interessata dalle operazioni di messa in sicurezza - informa il Parco - non rientra nel percorso di visita, dunque le attività, che procedono spedite, non incidono sulla regolare fruizione al pubblico. Già effettuato il rilievo del crollo, isolata l'area, sono in corso gli accertamenti sull'integrità delle strutture antiche. L'area interessata dallo smottamento della scarpata est del fronte scavo corrisponde ad una porzione del giardino della Casa del Rilievo di Telefo.

Ultimo aggiornamento: 19:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA