Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Furto in casa a Lago Patria, il proprietario di casa spara e ferisce ladro

Martedì 16 Maggio 2017 di Mariano Fellico e Nello Mazzone
Furto in casa a Lago Patria, il proprietario di casa spara e ferisce ladro

GIUGLIANO - Furto in un'abitazione, il proprietario di casa - un poliziotto - risponde al fuoco e spara ferendo il ladro. È quanto successo la scorsa notte in via Signorelli a Lago Patria, intorno alle 4. Il malvivente - Eugen Cami, albanese dell'82 -si era introdotto nella villetta per commettere il furto insieme ad altri complici. In tutto erano tre le persone che volevano tentare il colpo. L'agente era in casa con la moglie e il figlio.
 


Secondo quanto si è appreso, il poliziotto ha impugnato l'arma e dalla finestra ha fatto fuoco ferendo l'uomo, dopo che questi aveva a sua volta sparato. Il proiettile esploso dal rapinatore si è conficcato nel balconcino dell'abitazione. I complici sono riusciti a fuggire. 

Il ferito è ricoverato in ospedale e secondo quanto appreso dagli agenti del commissariato di polizia di Giugliano, diretti dal primo dirigente Pietropaolo Auriemma. Cami è stato trasportato d'urgenza, all'alba, al pronto soccorso del nosocomio Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli in condizioni giudicate «gravissime» dai medici, a causa della ferita d'arma da fuoco che gli ha fatto perdere molto sangue. Successivamente è stato trasportato al Cardarelli di Napoli e sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico per tamponare «l'importante emorragia intratoracica» causata dalla ferita d'arma da fuoco.
 
 

A terra, nel giardino dell'abitazione, la polizia ha trovato una pistola 7,65, un bossolo dello stesso calibro e, un'ogiva conficcata nel muro, a poca distanza dalla finestra dal quale l'agente ha sparato. L'agente svegliato dai rumori provenienti dal giardino, si è affacciato e si è qualificato. Una delle persone presenti in giardino gli sparato, un colpo, mancandolo di poco. L'agente a questo punto ha risposto al fuoco ferendolo.
 

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 00:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA