Carcere a vita per Marco Di Lauro:
è il mandante dell'omicidio Romanò

Lunedì 11 Novembre 2019 di ​Leandro Del Gaudio

Ergastolo per Marco Di Lauro. La Corte di Assise Appello di Napoli ha condannato al carcere a vita il presunto reggente della camorra di Secondigliano, arrestato lo scorso marzo dopo 14 anni di latitanza.

LEGGI ANCHE Camorra, il boss di Secondigliano in tribunale si dissocia dal clan

È lui il mandante dell’omicidio di Attilio Romanó, ragazzo estraneo alla camorra e ucciso per errore in un negozio di telefonia nel 2005. Ergastolo, poi le lacrime della mamma della vittima uccisa senza un perché, che abbraccia il coordinamento anticamorra rappresentato dall’assessore Alessandra Clemente
 

LEGGI ANCHE Torna l'incubo della faida di camorra a Napoli, le confessioni soft dei boss di Scampia

Soddisfazione in Procura, al termine delle indagini dei pm Maurizio De Marco, Vincenza Marra e dell’aggiunto Giuseppe Borrelli.
 

 

Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 11:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA