Gomorra, la rivelazione choc:
«La serie tv ha pagato il boss»

Martedì 6 Febbraio 2018 di Leandro Del Gaudio e Dario Sautto

Ha aspettato la fine del processo, poco prima che sulla storia della villa di gomorra affittata dai camorristi calasse il sipario. Ha atteso l’ultimo momento utile per raccontare un retroscena probabilmente decisivo per inquadrare la storia della villa sequestrata ai Gallo (i cosiddetti «pisielli» di Torre Annunziata), su cui «gomorra» avrebbe pagato il pizzo agli stessi camorristi locali. Tribunale di Torre Annunziata, prime ore del pomeriggio, è l’imputato Gennaro Aquino a chiamare in causa i vertici della Cattleya, la società di produzione delle tre fortunate edizioni di Gomorra. Stando alla versione dell’imputato, qualcuno dei vertici della casa di produzione avrebbe versato cinquemila euro al boss: soldi racchiusi in una busta finita nelle mani del capoclan Francuccio ‘o pisiello. Se fosse vera questa versione, significherebbe che Gomorra ha dovuto versare il pizzo alla camorra locale per realizzare alcune scene della fiction sulla camorra. Ma andiamo con ordine, a partire proprio dal racconto dell’imputato reo confesso: «Uno della produzione mi portò una busta chiusa con all’interno 5mila euro. Erano soldi della produzione, che io portai a zì Filuccio». Insomma, una catena: soldi dal «production manager» al «location manager», per arrivare al clan. Difeso dal penalista napoletano Domenico Ciruzzi, Aquino va a fondo e insiste: «Tutti sapevano», spiega in riferimento proprio alla società di produzione. Poi: «Non so chi mise i soldi in quella busta. Però Raffaele Gallo aveva minacciato di non farci entrare più in casa a girare, io avevo paura perché gli avevo dato la “mano di parola” e in certi ambienti è pericoloso non rispettare gli accordi. Ricordo anche che mancavano mille euro, così li prelevai dal mio conto e glieli consegnai. Poi Cattleya me li ha rimborsati». Parole che destano una buona dose di sorpresa anche nel pm, il magistrato Maria Benincasa, in forza alla Procura guidata dal procuratore Sandro Pennasilico e dall’aggiunto Pierpaolo Filippelli.
 
Si va avanti con l’esame dell’imputato: «Fin dal primo momento tutti in Cattleya sapevano che i Gallo non erano persone proprio pulite, anche Gianluca Arcopinto (l’altro imputato, difeso dall’avvocato Cesare Placanica), ma decisero che la villa bunkerata con quegli strani interni era quella giusta e vollero girare lì anche dopo l’arresto del proprietario e il sequestro della casa. Ho sbagliato, ma Cattleya non voleva che si facesse riferimento ai “problemi” che c’erano stati all’inizio».

Una ricostruzione che sembra smentire quanto dichiarato in aula dai vertici della Cattleya, ma anche dal contenuto delle stesse indagini condotte prima a Napoli, poi a Torre Annunziata. Dall’analisi delle intercettazioni, non sono emersi contatti tra «centro» e «periferia», tra i vertici della produzione e i manager locali spediti sul territorio per chiudere la questione del fitto della villa del boss.

Tocca al pm Benincasa, che ha parlato di un «ordine di scuderia» interno all’azienda: il loro obiettivo era negare fino all’inverosimile per preservare la casa cinematografica» (possibile apertura di un fascicolo sulla testimonianza resa in aula dai vertici della società di produzione). Un processo che ruota attorno al presunto pizzo sulle immagini di Gomorra, che oggi attende il verdetto di primo grado. Una villa, un accordo. È il possibile retroscena del fitto della villa dei Gallo. Oggi - dopo la replica delle parti - la lettura della sentenza. Per Aquino chiesti un anno e tre mesi (grazie alla confessione di ieri), per Arcopinto un anno e sei mesi, mentre in Procura si valuta la possibilità di approfondire testimonianze e verbali di udienza.

Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA