Napoli, morto all'ospedale San Paolo: la Procura acquisisce i documenti

La sesta sezione della Procura di Napoli (procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio) ha incaricato i carabinieri di acquisire tutta la documentazione (cartelle cliniche, e altro) riguardante il decesso di Eduardo Estatico, l'uomo di 72 anni morto sabato scorso, nel pronto soccorso dell'ospedale San Paolo di Fuorigrotta, a Napoli, dopo sei ore di attesa in preda a dolori lancinanti. Il sostituto procuratore Federica D'Amodio, che si sta occupando del caso, sta analizzando l'informativa redatta dalla Polizia di Stato e consegnata ieri agli inquirenti. Secondo quanto si è appreso, il conferimento dell'incarico e l'autopsia dovrebbero avvenire la prossima settimana.

Intanto prosegue l'attività di verifica interna. Il direttore sanitario Michele Ferrara ha chiesto una relazione dettagliata sul caso ai due primari di medicina d'urgenza e chirurgia d'urgenza che hanno descritto il percorso clinico assistenziale a cui è stato sottoposto l'uomo e hanno già consegnato le loro relazioni.

Un rapporto è stato chiesto dalla direzione sanitaria anche agli altri medici in servizio in quel momenti e ai triagisti. L'intero faldone di relazioni verrà poi consegnato al commissario straordinario dell'Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva che ieri, in serata, è stato all'ospedale San Paolo per incontrare i medici in relazione al caso e ai problemi del nosocomio. Al San Paolo arriveranno nei prossimi giorni anche gli ispettori inviati dal ministro della Salute, Giulia Grillo, per approfondire la vicenda e il funzionamento del pronto soccorso dell'ospedale che si trova nel popoloso quartiere napoletano di Fuorigrotta.
Martedì 12 Febbraio 2019, 16:17 - Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio, 11:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP