Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, chiuse le scale del Petraio al Vomero: pericolo di crollo, la zona resta isolata

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Gennaro Di Biase
Napoli, chiuse le scale del Petraio al Vomero: pericolo di crollo, la zona resta isolata

Sos dal Vomero: allarme al Petraio. Un taglio netto, lungo più di un metro, fino a pochi giorni fa nascosto dai rami di un pino, squarcia un lato del costone di tufo in un’area calpestata quotidianamente da centinaia di residenti e turisti. Siamo nel cuore del Vomero, sulle scale di via Luigia Sanfelice, chiuse per «rischio crollo» dalla Protezione Civile dopo una segnalazione dei residenti. Si aspettano ora verifiche sulla stabilità delle pareti che sorreggono le scale. Più di una preoccupazione arriva dal comitato di zona Vomero-Petraio per l’eliminazione dei pericoli e sulle tempistiche di riapertura dei gradini. Tanti i disagi, e per tutti: napoletani e visitatori di ogni nazione. Sono sempre di più, infatti, i vacanzieri che alloggiano da queste parti o che visitano la collina partenopea, e non solo per ammirare Sant’Elmo o la Certosa a San Martino. È il boom turistico che convive, purtroppo, con le criticità della città fragile.

Le scale vomeresi, quest’estate, sono battute in lungo e in largo da centinaia di turisti che ammirano il panorama collinare e scattano foto ai palazzi liberty. I gradini Sanfelice, inoltre, sono utilizzati come scorciatoia verso piazza Fuga o Vanvitelli da quasi tutti i residenti del Petraio. Eppure, prima dell’intervento della Protezione Civile, la spaccatura nel tufo che ha portato al transennamento dei gradini era nascosta dalla flora più o meno selvaggia. Poi, la settimana scorsa, un intervento di potatura (realizzato tramite il Comitato di quartiere dopo che un esercizio commerciale della zona ne aveva adottato il verde) ha svelato il pericolo. «Più o meno a metà dello scalone - spiega Domenico Pisa del Comitato Vomero-Petraio - c’è un pino che è cresciuto spaccando la roccia di tufo. È da questo che è partita la nostra segnalazione, l’8 agosto, tramite pec, al Comune. La Protezione Civile, quando è arrivata sul posto, ha sbarrato le scale, comunicandoci che sul costone ci sono diverse crepe. Si sospetta che si stiano staccando altri pezzi di tufo al di sotto dell’albero. Ci hanno spiegato che nei prossimi giorni saranno portate avanti delle verifiche strutturali sulle mura. L’inagibilità della scala è un fatto grave, dal momento che a breve inizieranno le scuole e tanti studenti sono costretti a un giro enorme, senza la scorciatoia dei gradini».



Il problema, però, non riguarda solo il ritorno in classe. Tutto il Petraio, senza le sue scale (che collegano il Vomero antico con via Gaetano Donizetti), resta praticamente isolato, e costringe i pedoni a risalire tutta la lunga via Sanfelice per raggiungere piazza Fuga e dintorni. Il borgo prezioso è diventato quasi un imbuto, insomma.
 

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 09:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA