Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Faida del rione Sanità: tre arresti a Napoli per un omicidio di 14 anni fa, vittima il cognato dei Misso

Lunedì 18 Maggio 2020
Faida del rione Sanità: tre arresti a Napoli per un omicidio di 14 anni fa, vittima il cognato dei Misso

Questa mattina, la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda di Napoli nei confronti di Andrea Manna, 43 anni, Nicola Sequino, 50, e Vincenzo Troncone, 53.

LEGGI ANCHE Da pentito a camorrista, Zapata Misso aveva chiesto aiuto allo Stato dopo la revoca della protezione



Gli indagati sono chiamati a rispondere, in concorso con altri soggetti già condannati in separato procedimento, di omicidio aggravato. Si tratta dell'omicidio di Prestigiacomo Vincenzo, avvenuto a Napoli il 30 ottobre 2006, a via Porta di San Gennaro. L'omicidio è maturato nella guerra di camorra in essere nel quartiere Sanità tra il clan Misso, di cui era partecipe la vittima, e il clan facente capo a Salvatore Torino. Nello specifico, Prestigiacomo Vincenzo era il marito di Celeste Misso, sorella dei più noti pregiudicati Michelangelo, Giuseppe ed Emiliano Zapata. 

LEGGI ANCHE Napoli. I parenti dei pentiti Misso: «Spari vicino casa, in via Donnaregina»

Le indagini, svolte dalla Squadra Mobile sotto il coordinamento della Dda, hanno consentito di acquisire riscontri di diversa natura alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia tanto da delineare un grave quadro indiziario nei confronti degli indagati destinatari della misura.
 

Ultimo aggiornamento: 18:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche