Omicidio a Napoli, pregiudicato ucciso tra la folla del sabato pomeriggio con venti colpi di pistola

Sabato 11 Settembre 2021 di Giuseppe Crimaldi
Omicidio a Napoli, pregiudicato ucciso tra la folla del sabato pomeriggio con venti colpi di pistola

La camorra apre il fuoco. Un uomo è caduto sotto i colpi di pistola tra i vicoli di Napoli, in vico Fico al Mercato.

Si tratta di Salvatore Astuto, 57 anni, pregiudicato ucciso con almeno dieci colpi di pistola. 

Astuto è caduto in un'imboscata: raggiunto da venti proiettili, esplosi con ogni probabilità da più armi o da una mitraglietta. per lui non c'è stato scampo. I sicari hanno colpito incuranti della presenza in strada di numerose persone. L'uomo stava percorrendo vico Fico quando ha incrociato i killer. Sul posto i carabinieri, che stanno analizzando le telecamere di sorveglianza in zona e raccogliendo eventuali testimonianze dei presenti. 

 

Un pessimo segnale, questo omicidio. Chi conosce bene il territorio, e i personaggi di spessore della criminalità che lo popolano, indica nella vittima un soggetto di prima caratura, appartenente peraltro ad una famiglia organica al tessuto camorristico della zona compresa tra il Lavinaio e piazza Mercato. Un'area saldamente ancorata al clan Mazzarella. Una zona nella quale le dinamiche criminali appaiono in movimento: e dove compare il nome di un’altra famiglia - quella, appunto degli Astuto - alleata storica del clan Rinaldi e fino agli anni d'oro di Forcella ineditamente alleata dei Giuliano. 

E tuttavia in questo particolare momento qualcosa sta tornando ad agitare le dinamiche che regolano i rapporti di forza, disegnando probabilmente nuovi rapporti e nuove alleanze nel quadro dei gruppi di camorra del centro storico di Napoli. 
 

Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 08:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA