Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, l'Ordine dei Medici dona un assegno da 25mila euro al console ucraino Kovalenko

Giovedì 21 Aprile 2022
Napoli, l'Ordine dei Medici dona un assegno da 25mila euro al console ucraino Kovalenko

Un assegno dal valore di 25 mila euro è stato consegnato oggi dal presidente dell'Ordine dei medici di Napoli, Bruno Zuccarelli, al console ucraino a Napoli, Maksym Kovalenko.

Il denaro deriva da una raccolta fondi promossa dall'Ordine tra i propri iscritti e, attraverso i canali della Croce Rossa, saranno utilizzati per acquistare beni di prima necessità, cibo, medicine e farmaci. «In poco meno di un mese abbiamo raccolto una somma importante - ha sottolineato Zuccarelli - ed è la dimostrazione, qualora ve ne fosse ancora bisogno, del grande cuore dei medici napoletani di cui già la pandemia ci aveva dato prova».

Video

Generosità per la quale il console ucraino ha espresso ringraziamento evidenziando che «i medici di Napoli sono stati fin da subito di grandissimo aiuto per i miei concittadini in fuga dalla guerra non solo con sostegno materiale, ma anche prestando assistenza a chi ne aveva bisogno. Un'enorme generosità è stata mostrata da tutti i cittadini campani».

La consegna dell'assegno si è svolta in occasione della giornata dedicata ai medici partenopei che “festeggiano” i 50 anni dalla laurea. Tra i medagliati alcuni dei nomi che hanno fatto la storia della medicina partenopea, quali ad esempio: Enrico di Salvo, Antonio Di Bellucci, Antonio Correra, Roberto Martina, Roberto Muto e Gianfranco Tajana. A ricevere il riconoscimento sono stati 123 iscritti all'Ordine. «È un traguardo importante - ha concluso Zuccarelli - un momento di grande emozione e riflessione sul passato e sul futuro della professione. Abbiamo consegnato le medaglie a professionisti che con il loro esempio tracciano la strada per i medici di domani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche