Terremoto a Napoli: sciame sismico nella notte a Pozzuoli avvertito in tutti i Campi Flegrei

Terremoto a Napoli: sciame sismico nella notte a Pozzuoli avvertito in tutti i Campi Flegrei
di Pasquale Guardascione
Domenica 26 Aprile 2020, 07:55 - Ultimo agg. 19:00
3 Minuti di Lettura

Uno sciame sismico di 25 scosse è stato registrato dai sismografi dell'Osservatorio Vesuviano dalle 3,25 ed è ancora in atto con l'ultimo sisma alle 7,23 di questa mattina. Le scosse più forti sono state reilevate alle 4,41 (magnitudo 2.5 della scala Ritcher) e alle 4,59 (magnitudo 3.1) con una profondità entrambe intorno ai due chilometri e mezzo. L'epicentro dello sciame è nella zona di confine tra la Solfatara e i Pisciarelli. 

Gli eventi tellurici sono stati avvertiti nella zona alta di Pozzuoli e in gran parte dei Campi Flegrei ma anche nei quartieri napoletani di Bagnoli, Agnano, Fuorigrotta, Pianura e Soccavo. La gente ha dichiarato di aver sentito prima un boato e, poi, i vetri delle finestre tremare. Non si segnalano danni a persone o cose.
 


Centinaia le telefonate arrivate all'Osservatorio Vesuviano, ai vigili del fuoco e alle forze dell'ordine. «Abbiamo analizzato gli eventi e non ci sono anomalie rispetto all’andamento attuale della crisi bradisismica in atto - spiega Francesca Bianco, direttrice dell’Osservatorio Vesuviano - Nel corso della notte si è verificato nell’area flegrea uno sciame sismico, localizzato nella zona di Solfatara-Pisciarelli, costituito da una sequenza di 34 scosse di magnitudo compresa tra 0.0 e 3.1 e con una profondità ipocentrale compresa tra 1 e 2 Km. Si ribadisce che il verificarsi di sciami di eventi sismici, che possono in alcuni casi avere magnitudo tale da essere avvertiti dalla popolazione, accadono ordinariamente durante un periodo caratterizzato da attività bradisismica come quello in atto nella zona flegrea ormai dal 2005, e che non ci sono elementi di novità nel progredire del fenomeno in corso. I nostri geochimici sono al lavoro per effettuare rilievi sulle fumarole dell’area di Solfatara-Pisciarelli, ma ribadiamo che non c’è stata apertura di nuove bocche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA