«Roberto De Simone merita i benefici della legge Bacchelli», la lettera del Conservatorio di Napoli a Mario Draghi

Martedì 25 Gennaio 2022
«Roberto De Simone merita i benefici della legge Bacchelli», la lettera del Conservatorio di Napoli a Mario Draghi

Un appello per la concessione dei benefici della cosidetta legge Bacchelli a Roberto De Simone: il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli ha inviato una lettera al presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi sollecitando il suo intervento dopo la denuncia del grande musicologo, bisognoso di cure costose.

Di seguito il testo della lettera firmata da Luigi Carbone, presidente del Conservatorio, e da Carmine Santaniello, direttore del Conservatorio. 

Video

«Egregio Sig. presidente, il mondo della cultura e della musica napoletana è, in questi giorni, scosso dalle parole del maestro Roberto De Simone che - in maniera accorata, ferma e molto dignitosa - ha voluto far partecipe la comunità civile della difficile situazione personale in cui egli versa.

Il Conservatorio di San Pietro a Majella, che ha avuto il privilegio negli anni Novanta di avere il maestro De Simone quale direttore e figura di riferimento, si unisce al coro di quanti, di fronte a una situazione non compatibile con la statura morale e artistica di Roberto De Simone, chiedono gli venga riconosciuto il trattamento previsto dalla legge 440 del 1985 (la cd. legge Bacchelli), in considerazione dei suoi alti meriti culturali e del prestigio che la sua attività, nel corso degli ultimi sessant'anni, ha conferito al Paese.

Per storia e vocazione secolari, il Conservatorio di San Pietro a Majella persegue l'obiettivo di valorizzare la creatività in ambito musicale, avendo il territorio napoletano, specialmente fecondo, quale laboratorio esclusivo e prezioso. Proprio per questo, il legame con la figura di Roberto De Simone - capace come pochi altri intellettuali di coniugare, dal proprio irrinunciabile osservatorio della città di Napoli, la dimensione di ricerca con quella di divulgazione, la parte alta della narrazione con quella popolare, il momento formativo con quello performativo, la dimensione territoriale con quella internazionale del proprio lavoro - viene avvertito come particolarmente profondo e stimolante.

LEGGI ANCHE Bob Dylan vende l'intero catalogo delle registrazioni alla Sony

La sintonia che accomuna i valori istituzionali su cui poggia la missione del Conservatorio di Napoli con quelli specifici e personali che formano la vicenda del maestro De Simone inducono, oggi, il San Pietro a Majella a sentire come propria la situazione di disagio palesata dall'artista e a rivolgere a lei, dunque, un appello sentito affinché al maestro siano concessi i benefici della cosiddetta legge Bacchelli, testimoniandone sin d’ora la chiara fama richiesta per la sua applicazione. 

Questo gesto, che risulterebbe di grande sensibilità, verrebbe salutato dal Conservatorio di San Pietro a Majella quale atto di doveroso omaggio nei confronti di Roberto De Simone e della scuola musicale napoletana, prodotto di eccellenza internazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA