Il presidente della Camera Fico a Napoli, la piazza canta “Bella Ciao”: «Questa è la festa di tutti»

ARTICOLI CORRELATI
di Oscar De Simone

«Quella di oggi è la festa che ci consente di essere quello che siamo. Cittadini liberi, sindaci, presidenti o consiglieri comunali. Il 25 Aprile e la ricorrenza che ci ricorda proprio quanto sia importante la conquista della libertà». Con queste parole il presidente della Camera Roberto Fico ha commentato appuntamenti che oggi lo hanno visto protagonista a Napoli: prima la deposizione delle corone commemorative al mausoleo di Posillipo e al monumento in memoria di Salvo D’Acquisto e poi al Maschio Angioino per un'iniziativa promossa dal Comune.

In piazza Carità è stato intonato spontaneamente il coro «Bella ciao» dai tanti presenti mentre la banda dei carabinieri eseguiva la Canzone del Piave e subito prima dell'inno di Mameli. In bella mostra esposti gli striscioni dell'Anpi di Napoli e bandiere dei sindacati, di Articolo Uno-Mdp e del Partito comunista: «Ho ringraziato i partigiani - ha spiegato il presidente Fico - per quello che hanno fatto e per come portano avanti giorno dopo giorno il loro impegno civile».
 

A margine delle celebrazioni, il presidente della Camera ha anche parlato del decreto salva Roma e di come questo non risulti «anomalo» per la capitale: «Una manovra sul debito di Roma è auspicabile, poi se potrà essere estesa anche ad altri comuni va bene. Non c’è nulla di strano in tutto questo anche perché altri comuni hanno già avuto aiuti in passato». 
Giovedì 25 Aprile 2019, 12:20 - Ultimo aggiornamento: 26 Aprile, 06:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP